Antonio Magliabechi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Busto di Antonio Montauti alla Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze

Antonio Magliabechi (Firenze, 29 ottobre 1633Firenze, 4 luglio 1714) è stato erudito e bibliofilo italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la morte del padre nel 1640, fu apprendista orefice; alla morte della madre, nel 1673, riprese gli studi sotto Michele Ermini, bibliotecario di Leopoldo de' Medici, acquistando ben presto grande fama per l'ampia erudizione e la conoscenza del latino, del greco e dell'ebraico. Il granduca Cosimo III de' Medici lo nominò bibliotecario della Biblioteca Palatina di Firenze (la biblioteca di Palazzo Pitti, confluita nella Biblioteca Medicea Laurenziana per i manoscritti e nella BNCF per le opere a stampa), nella quale gli succedette con lo stesso incarico, l'amico, Benedetto Bresciani.

L'Inquisizione lo sospettò di eresia per i vasti interessi verso ogni tipo di scritti e per la raccolta di un'ampia biblioteca personale che, costituita da circa 28.000 volumi, lasciò per testamento a "promuovere gli studi, le virtù, le scienze, e con quelle la pietà e il bene universale, a beneficio universale della città e specialmente ai poveri, chierici sacerdoti e secolari che non hanno modo di comprar libri e di poter studiare". La biblioteca, aperta al pubblico nel 1747, fornita di numerosi testi scientifici greci e latini e di trattati di medicina del tempo, a stampa e manoscritti, costituisce il nucleo originario dell'odierna Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze, anticamente detta proprio Magliabechiana.

Negli ultimi anni si ritirò nel convento domenicano di Santa Maria Novella, dove morì e fu sepolto.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

La passione della sua vita fu la bibliofilia: per questo, a parte un ampio epistolario con eruditi e scienziati del tempo, gli sono attribuite soltanto le Notizie letterarie e istoriche intorno agli uomini illustri dell'Accademia fiorentina, edite a Firenze nel 1700.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • M. Albanese, «MAGLIABECHI, Antonio». In: Dizionario Biografico degli Italiani, Volume LXVII, Roma: Istituto della Enciclopedia Italiana, 2007
  • A. Mirto, Lettere di Antonio Magliabechi a Leopoldo de' Medici, Roma, aracne, 2012
  • A. Mirto, Pietro Paolo Bosca: Lettere ad Antonio Magliabechi, "Studi secenteschi", LIV, 2013, pp. 260-333
  • C. Viola, Vecchia e nuova erudizione: Muratori e Magliabechi, "Studi secenteschi", LIV, 2013, pp. 97-115

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN121651239 · LCCN: (ENn80050251 · SBN: IT\ICCU\LO1V\032988 · ISNI: (EN0000 0001 0805 0860 · GND: (DE118998838 · BNF: (FRcb11942291v (data)