Paolo Galluzzi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Paolo Galluzzi (Firenze, 1942) è uno storico della scienza italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1982 è direttore del Museo Galileo - Istituto e Museo di Storia della Scienza di Firenze. È stato Professore Ordinario di Storia della Scienza presso l'Università di Siena dal 1979 al 1994 e presso l'Università di Firenze dal 1994 al 2010. Dal 1991 al 2007 è stato direttore di Nuncius, rivista internazionale di storia della scienza. Ha fatto parte del Consiglio Nazionale dei Beni Culturali e Ambientali e siede nel consiglio scientifico di prestigiose riviste e istituzioni culturali italiane e straniere. È stato presidente del Comitato Scientifico Internazionale insediato dalla Fondazione Nobel di Stoccolma per realizzare il Nobel Museum; attualmente è presidente della Commissione per l'Edizione Nazionale dei manoscritti e dei disegni di Leonardo da Vinci e dell'Aggiornamento dell'Edizione Nazionale delle opere di Galileo Galilei. È membro dell'Accademia Reale delle Scienze di Svezia, dell'American Philosophical Society di Philadelphia e dell'Accademia Nazionale dei Lincei. Le sue ricerche si sono concentrate su Leonardo da Vinci, sugli scienziati e gli ingegneri del Rinascimento, su Galileo e la sua Scuola, sulle accademie scientifiche europee, sulla storia degli strumenti scientifici, dei musei e del collezionismo tecnico-scientifico, sulla storiografia della scienza. Si è dedicato, inoltre, alla storia della ricerca scientifica nell'Italia post-unitaria e a progetti di organizzazione della ricerca e di diffusione della cultura scientifica. Ha ideato numerose mostre su temi storico-scientifici[1], allestite in Italia e all'estero, e sistemi informativi e applicazioni multimediali su temi di storia delle scienze e delle tecniche.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Ha pubblicato numerose opere sui temi delle sue ricerche[2]. Tra le più recenti: Tra atomi e indivisibili. La materia ambigua di Galileo, Firenze, Olschki, 2011, ISBN 9788822260888, e «Libertà di filosofare in naturalibus». I mondi paralleli di Cesi e Galileo, Roma, Accademia Nazionale dei Lincei, 2014, ISBN 9788821810923. Ha diretto la Storia della Scienza Einaudi e concepito e diretto la serie editoriale della “Biblioteca della Scienza Italiana”. Ha inoltre curato i cataloghi delle molte mostre da lui ideate[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sito web del Museo Galileo, Elenco delle mostre.
  2. ^ Tutte le pubblicazioni di P. Galluzzi nell'OPAC del Museo Galileo.
  3. ^ Si segnalano: Ingegneri del Rinascimento. Da Brunelleschi a Leonardo da Vinci, Giunti Editore, 1996, ISBN 9788809209589; La mente di Leonardo. Nel laboratorio del Genio Universale, Giunti Editore, 2006, ISBN 8809048350; Galileo. Immagini dell'universo dall'antichità al telescopio, Giunti Editore, 2009, ISBN 9788809742321.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN120694477 · LCCN: (ENn79141667 · SBN: IT\ICCU\CFIV\013299 · ISNI: (EN0000 0000 7932 8359 · BNF: (FRcb12038059n (data) · NLA: (EN35985024 · BAV: ADV10014728
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie