Antonia Malatesta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la moglie di Giovanni Maria Visconti, vedi Antonia Malatesta di Cesena.
Antonia Malatesta
Antonia Malatesta.jpg
Marchesa consorte di Castel Goffredo, Castiglione e Solferino
Stemma
Stemma
In carica1481 –
1483
SuccessoreCaterina Pico
NascitaRimini, 1451
MorteLuzzara, 1483
DinastiaMalatesta
PadreSigismondo Pandolfo Malatesta
MadreIsotta degli Atti
Consorte diRodolfo Gonzaga
Figlinessuno

Antonia Malatesta (Rimini, 1451Luzzara, 25 dicembre 1483) è stata una nobildonna italiana.

Luzzara, Palazzo della Macina

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era figlia di Sigismondo Pandolfo Malatesta, signore di Rimini e di Isotta degli Atti.

L'11 gennaio 1481 sposò Rodolfo Gonzaga, signore di Luzzara, Castiglione e Solferino. La coppia non ebbe figli.[1]

Il 25 dicembre 1483 venne uccisa a Luzzara con un colpo di spada da Rodolfo.

Un'altra versione storica della morte di Antonia[1] riporta che la moglie di Rodolfo fosse entrata in disaccordo con Eusebio Malatesta, di origine ebrea ed amministratore di Federico I Gonzaga, circa la discendenza di quest'ultimo. Eusebio si vendicò riferendo a Federico che Antonia tramava contro il cugino Rodolfo e questo, per la sua sicurezza, fece uccidere la moglie, decapitandola, nella pubblica piazza di Luzzara.[2]

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Galeotto I Malatesta Pandolfo I Malatesta  
 
Taddea da Rimini  
Pandolfo III Malatesta  
Gentile da Varano Rodolfo II da Varano  
 
 
Sigismondo Pandolfo Malatesta  
Giacomino di Barignano  
 
 
Antonia da Barignano  
 
 
 
Antonia Malatesta  
 
 
 
Francesco degli Atti  
 
 
 
Isotta degli Atti  
 
 
 
 
 
 
 
 

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Bartolomeo Arrighi, Storia di Castiglione delle Stiviere sotto il dominio dei Gonzaga, Volume 1, Mantova, 1853.
  2. ^ Castel Sismondo Rimini. Archiviato il 26 dicembre 2013 in Internet Archive.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Bartolomeo Arrighi, Storia di Castiglione delle Stiviere sotto il dominio dei Gonzaga, Volume 1, Mantova, 1853.
  • Rachele Farina, Dizionario biografico delle donne lombarde, Milano, 1995.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Marchesa consorte di Castel Goffredo, Castiglione e Solferino Successore Coat of arms of the House of Gonzaga (1433).svg
- 1481-1483 Caterina Pico