Anello vescovile

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'anello vescovile o anello episcopale è, insieme alla croce pettorale e al pastorale, uno dei segni dei vescovi cattolici.

Significato[modifica | modifica wikitesto]

L'anello è per un vescovo segno di fedeltà alla propria diocesi[1] e, più in generale, alla Chiesa nel suo complesso.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

L'anello vescovile era un tempo preferibilmente aureo[2] ma può anche essere realizzato con altri materiali[3], con o senza pietra preziosa. Spesso al centro reca lo stemma del vescovo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Storia ecclesiastica ad uso della gioventù utile ad ogni grado di persone, pagina 466; Giovanni Bosco, tip. dell'oratorio di S. Franc. di Sales, anno 1872
  2. ^ La Scienze e la fede, pag. 76; volumi 37-38, Manfredi, anno 1859
  3. ^ Annali Aretini, XI, pag. 183; Fraternita dei laici di Arezzo, ed. All’Insegna del Giglio, anno 2004

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità GND: (DE4145701-8
Cattolicesimo Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cattolicesimo