Amalia di Sassonia (1436-1501)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Amalia di Sassonia
AmaliaSaBaRo.JPG
Duchessa di Baviera-Landshut
In carica 21 marzo 1452-18 gennaio 1479
Nascita Meissen, 4 agosto 1436
Morte Rochlitz, 19 novembre 1501
Luogo di sepoltura Cattedrale di Meissen
Casa reale Wettin
Padre Federico II di Sassonia
Madre Margherita d'Austria
Consorte Ludovico IX di Baviera-Landshut

Amalia di Sassonia (Meißen, 4 agosto 1436Rochlitz, 19 novembre 1501) è stata una principessa di Sassonia e duchessa di Baviera-Landshut. Era la primogenita di Federico II di Sassonia (1412-1464), e di sua moglie, Margherita d'Austria (1416/7-1486), figlia del duca Ernesto d'Austria.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Amalia sposò il 21 marzo 1452 a Landshut, in una cerimonia nuziale di grande splendore (22.000 invitati), il duca di Baviera Ludovico IX di Baviera-Landshut.

Nel 1463 Amalia ricevette dal marito, come sua residenza, il castello di Burghausen Castle. Egli prescrisse anche un completo e rigoroso cerimoniale di corte. Amalia fu una delle fondatrici della chiesa dello Spirito Santo di Burghausen.

Dopo il decesso del marito, Amalia lasciò la Baviera. A compensazione per la sua vedovanza ricevette dal figlio 800 fiorini del Reno come rendita annua. Ella acquistò dai fratelli il distretto ed il castello di Rochlitz, che fece ricostruire a foggia di palazzo, dove visse circondata da una numerosa servitù. Fece una cospicua raccolta di reliquie, che fu conservata nella cappella. La nuova chiesa di San Pietro a Rochlitz fu eretta durante il periodo di sua permanenza nel castello. Durante la sua signoria, la città conobbe un periodo di grande prosperità.

Alla sua morte, avvenuta a Rochlitz nel 1501, la sua salma venne inumata nella cattedrale di Meissen.

Matrimonio e discendenza[modifica | modifica wikitesto]

A Ludovico IX di Baviera-Landshut, Amalia diede quattro figli:


Controllo di autorità VIAF: (EN81100684 · GND: (DE136819109
biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie