Alexis Minotis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Alexis Minotis, oppure Alexis Minotís (in greco: Αλέξης Μινωτής), pseudonimo di Alexis Minotakis (Αλέξης Μινωτάκης) (La Canea, 8 agosto 1900Atene, 11 novembre 1990), è stato un attore e regista greco.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Scena tratta dal film Bandiera gialla (1950), interpretato da Alexis Minotis
Poster del film Notorious - L'amante perduta (1946), interpretato da Alexis Minotís

Alexis Minotis nacque a La Canea l'8 agosto 1900, si avvicinò alla recitazione sin da giovane ed esordì nel 1921.

Dal 1925 ottenne successi ad Atene grazie ad interpretazioni importanti accanto a Marica Cotopuli, spaziando nel repertorio europeo contemporaneo con la compagnia Libera Scena,[1]successivamente come primattore del Teatro Nazionale, recitando i testi della tragedia ellenica, i quali gli diedero riconoscimenti internazionali[2][3] come le tournée negli Stati Uniti d'America negli anni quaranta del XX secolo.[2][1]

Dagli anni cinquanta del XX secolo si dedicò soprattutto alla regia, sia di spettacoli classici (Edipo re a Delfi, 1951) sia di opere contemporanee, scegliendo spesso come prima interprete la moglie Katina Paxinou.[1]

Nel 1955 partecipò alla Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia.[2]

Si distinse per la grande cultura anche nella rappresentazione di melodrammi, come la Medea di Luigi Cherubini a Dallas nel 1958.[1][4]

Minotis strinse una profonda amicizia del collega regista teatrale greco Yannis Tsarouchis.[5]

Alexis Minotis morì l'11 novembre 1990 ad Atene.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Attore[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Minotís, Aléxis, su sapere.it. URL consultato il 15 febbraio 2019.
  2. ^ a b c le muse, VII, Novara, De Agostini, 1966, p. 504.
  3. ^ (EN) Kazantzakis: Politics of the Spirit, Volume 2, su books.google.it. URL consultato il 15 febbraio 2019.
  4. ^ (FR) Jon Vickers et Callas, su operavivi.pagesperso-orange.fr. URL consultato il 15 febbraio 2019.
  5. ^ (ES) La autobiografía de Yannis Tsarouhis en el Museo Benaki: Parte II, su panoramagriego.gr. URL consultato il 15 febbraio 2019.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Iris Brooke, Costume in Greek Classical Drama, Londra, Methuen, 1962.
  • (FR) Corinne Coulet, Le théâtre grec, Nathan, 1996.
  • Vincenzo Di Benedetto e Enrico Medda, La tragedia sulla scena, Einaudi, 2002, ISBN 978-88-06-16379-2.
  • (EN) Peter B. Flint, Alexis Minotis Dies; A Greek Actor, 90, Who Staged Classics, in The New York Times (New York), 13-11-1990.
  • Giulio Guidorizzi (a cura di), Introduzione al teatro greco, Mondadori, 2003, ISBN 978-88-882-4209-5.
  • (EL) Anastasia Kalamaki, Alexis Minotis: La descrizione critica delle tragedie che ha diretto dal 1955 al 1964 al National Theatre sotto la direzione dell'Em. Chourmouzios, Atene, 2007.
  • (EL) Peggy Kunenakis, Paxinou-Minotis: due mostri sacri del teatro, in Sette giorni di Kathimerini (Atene, Collective), dicembre 2000, p. 3.
  • (EN) Chris Vervain e David Wiles, The Masks of Greek Tragedy as Point of Departure for Modern Performance, in New Theatre Quarterly, Cambridge, Cambridge University Press, 2004.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN39047118 · ISNI (EN0000 0001 1609 5436 · LCCN (ENno2002069629 · GND (DE119152347 · BNF (FRcb14655179j (data) · WorldCat Identities (ENno2002-069629