Alessandro Tortato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Alessandro Tortato ritratto da Luca Casagrande

Alessandro Tortato (Venezia, 18 marzo 1969) è un musicista e storico italiano.

Tra musica e storiografia[modifica | modifica wikitesto]

Diplomatosi in pianoforte e in composizione presso il Conservatorio Benedetto Marcello di Venezia, ottiene un ulteriore diploma in direzione d'orchestra presso il "Conservatorio Alfredo Casella" de L'Aquila approfondendo successivamente lo studio di questa disciplina con noti maestri tra i quali Peter Maag, Donato Renzetti, Neeme Järvi e Jorma Panula ed ottenendo nel 2003 il primo premio al concorso internazionale per direttori d'orchestra di Maikop in Russia. Lo stesso anno riceve dall'Associazione Richard Wagner di Venezia lo "Stipendium" per il Bayreuther Festspiele ed è chiamato sul podio della Philharmonie di Berlino per dirigere la Berliner Kammerphilharmonie.

Ha diretto numerose orchestre, sia nazionali che internazionali (Milano, Venezia, Roma, Berlino, Mosca, Wałbrzych, Edimburgo, Breslavia, Pärnu, Tel Aviv, Klagenfurt, Praga).

È direttore artistico e direttore principale dell'orchestra Accademia di San Giorgio di Venezia, presso la Fondazione Cini di Venezia.

Ha insegnato nei conservatori di La Spezia, Genova, Pesaro, Venezia, Torino, Cosenza, Lucca.

Nel 1996 si è laureato presso l'Università degli studi di Padova in scienze politiche con Piero del Negro.

Nel 2002 ha poi ottenuto una seconda laurea in storia, con il professor Mario Isnenghi, presso l'Università di Venezia.

Giornalista pubblicista scrive sulle pagine culturali del Corriere del Veneto - Corriere della Sera.

Nel 1999 esce il suo primo libro "Ortigara, la verità negata" che riporta documenti inediti sul tragico episodio della Grande Guerra. L'opera in breve tempo ha ottenuto la settima ristampa.

Nel gennaio del 2004 ha inoltre pubblicato "La prigionia di guerra in Italia 1915 - 1919", l'unico studio edito sugli oltre 400.000 prigionieri austroungarici detenuti in Italia durante la Grande Guerra.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • "Ortigara: la verità negata.", sottotitolo: "Le sconvolgenti rivelazioni di documenti d'archivio che nessun italiano avrebbe mai voluto leggere"[1], Gino Rossato editore, Novale di Valdagno, 1999, ISBN 978-88-8130-069-3
  • "La prigionia di guerra in Italia 1915 - 1919", Mursia, Milano, 2004[2], ISBN 8842531715
  • "Prigionieri degli italiani" in "La Grande Guerra: dall'intervento alla «vittoria mutilata»" a cura di Mario Isnenghi e Daniele Ceschin, Utet, Torino, 2008
  • Leonida Bissolati: Diario di Guerra edizione integrale a cura di Alessandro Tortato, Mursia, Milano (2014) ISBN 9788842546153

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ "Il ritrovamento presso l'ufficio storico dello Stato Maggiore dell'Esercito di un'immensa mole di documenti di eccezionale valore storico, assolutamente inediti, ha permesso ad Alessandro Tortato di offrire una revisione interpretativa generale della battaglia. Ortigara: la verità negata, a distanza di più di ottant'anni dall'avvenimento, chiarisce in maniera definitiva tutti i dubbi ed interrogativi che la vicenda ha da sempre suscitato. Un contributo essenziale per studiosi ed appassionati, una sconvolgente lettura ed accusa per tutti." Commento al libro sul sito dell'editore Gino Rossato[collegamento interrotto].
  2. ^ Dettagli del libro sul sito dell'editore Mursia Archiviato l'8 agosto 2008 in Internet Archive.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN7560384 · ISNI (EN0000 0000 3243 965X · BNF (FRcb13602035r (data)