Alessandro Seppilli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Alessandro Seppilli
AlessandroSeppilli.jpg

Sindaco di Perugia
Durata mandato 29 dicembre 1953 –
28 dicembre 1964
Predecessore Aldo Manna
Successore Antonio Berardi

Dati generali
Partito politico Partito Socialista Italiano
Titolo di studio medicina e chirurgia
Università Università di Firenze
Professione farmacista

Alessandro Seppilli (Trieste, 7 maggio 1902Perugia, 2 febbraio 1995) è stato un igienista e politico italiano Sindaco di Perugia dal 1953 al 1964.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo gli studi in Medicina e chirurgia all'Università di Firenze, inizia la carriera universitaria prima a Padova, come assistente di ruolo in Igiene, poi a Modena, come professore incaricato nella stessa disciplina, ruolo che fu costretto ad abbandonare nel 1938, a causa delle leggi razziali[1].

Nel 1939, con la moglie Anita e il figlio Tullio, si trasferisce in Brasile, a San Paolo, dove dirige una casa farmaceutica.

Rientrato in Italia, torna a Modena, incaricato dal 1946 al 1948[2]; nel 1949 diventa ordinario di Igiene all'Università di Perugia. In collaborazione con l'OMS, crea a Perugia nel 1954 il Centro sperimentale dimostrativo per l'educazione sanitaria della popolazione, da cui nascerà nel 1958 la Scuola per l'educazione sanitaria[3]. Ricopre importanti incarichi nel Consiglio Superiore di Sanità, nell'Istituto Italiano di Medicina Sociale, nell'Unione internazionale dell'educazione sanitaria[4]. Fonda e dirige le riviste Educazione Sanitaria e Promozione della Salute e La Salute Umana. Tra i più attivi sostenitori della riforma sanitaria[5], con Giovanni Berlinguer dirige per Il Pensiero Scientifico Editore la collana Società e Salute in cui viene pubblicato nel 1977 il libro manifesto La Riforma Sanitaria.

È sindaco di Perugia per il PSI dal 1953 al 1964.

Allo scopo di favorire le ricerche e la diffusione di una cultura della salute, nel 1987 costituisce a Perugia la Fondazione Angelo Celli, intitolata al noto scienziato e politico italiano[6].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Vedi Nunzia Manicardi, Formìggini. L'editore ebreo che si suicidò per rimanere italiano, Modena, Guaraldi, 2001, p. 55 ma anche Antonio Di Meo, Cultura ebraica e cultura scientifica in Italia, Milano, Editori Riuniti, 1994, p. 80
  2. ^ Carlo Guido Mor, Pericle di Pietro, Storia dell'Università di Modena, Firenze, Leo Olschki, 1975, p. 307
  3. ^ Una nota sulla storia dell'istituzione, oggi Centro Sperimentale per la Promozione della Salute e l'Educazione Sanitaria, sul sito dell'Università di Perugia. Archiviato il 7 aprile 2014 in Internet Archive.
  4. ^ Una nota biografica nel sito della Fondazione Angelo Celli
  5. ^ Un profilo biografico sul sito dell'editore Il pensiero scientifico
  6. ^ Il sito della Fondazione Celli

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Paola Beatini, Maria Margherita Tinarelli, Maria Antonia Modolo, Tullio Seppilli (a cura di), Alessandro Seppilli, scienziato, politico, educatore. Convegno nazionale nel decennale della scomparsa, Perugia (Sala dei Notari), 18-19 febbraio 2005, in “Educazione Sanitaria e Educazione alla Salute”, vol. 29, n. 1, gennaio-marzo 2006.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN62922770 · ISNI (EN0000 0000 2350 9476 · SBN IT\ICCU\CFIV\092611 · LCCN (ENn83137949