Alessandro Gogna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Alessandro Gogna (Genova, 29 luglio 1946) è un alpinista, guida alpina e storico dell’alpinismo[1][2][3][4] italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Partito dalle pareti delle Alpi Liguri e delle Dolomiti, passando per le montagne di tutto il mondo e scalando in tutti gli ambienti, è autore di numerose prime ascensioni nelle Alpi e negli Appennini.

È stato fondatore di Mountain Wilderness[5], di cui è tra i garanti[6][7]

Gogna è autore di conferenze, articoli e libri sul tema della montagna e dell'alpinismo[8]. Ha vinto il Premio Bancarella Sport

Ha ideato alcune iniziative ambientali, come Marmolada Pulita, Free K2[9], Proteggi il Bianco, Aquila Verde, Save the Glaciers, Levissima forEverest[10], Bonifica CAI del Ghiacciaio del Baltoro[11].

Principali scalate[modifica | modifica wikitesto]

  • 1967: Scarason (Alpi Liguri), parete NE, prima ascensione
  • 1968: Pizzo Badile, parete NE, via Cassin, prima invernale
  • 1968: Grandes Jorasses, parete N, via Cassin, prima solitaria
  • 1969: Grand Capucin, parete SE, Diretta dei Ragni, prima invernale
  • 1969: Monte Rosa, parete E di Macugnaga, via dei Francesi, prima solitaria
  • 1969: Cervino, prima ascensione del Naso di Z’Mutt
  • 1970: Grivola, parete NE, via Cretier, prima invernale
  • 1970: IIa Pala di S. Lucano, parete SW, prima ascensione
  • 1970: Marmolada di Rocca, parete S, prima ascensione via diretta
  • 1971: Pilier d'Angle, per cresta integrale di Peutérey, prima invernale
  • 1971: Cima di Terranova (Civetta), parete NW, via diretta, prima ascensione
  • 1972: IIIa Pala di San Lucano, parete S, prima ascensione
  • 1972: Brenta Alta, spigolo NE, prima ascensione
  • 1972: Grandes Jorasses, parete S, prima ascensione
  • 1972: Aiguille de Leschaux, parete NE, via diretta, prima ascensione
  • 1974: IIa Pala di San Lucano, parete E, prima ascensione
  • 1974: IVa Pala di San Lucano, parete S, prima ascensione
  • 1974: Campanile dei Zoldani (Moiazza), parete W, via diretta, prima ascensione
  • 1974: Palazza (Monti del Sole), parete SW, prima ascensione
  • 1981: Guglia di Goloritzé, prima ascensione assoluta
  • 1981: Monte Còfano (Sicilia), cresta Vistammare, prima ascensione
  • 1981: Monte Monaco (Sicilia), via "sballo di San Vito", prima ascensione
  • 1981: Pizzo Monaco (Sicilia), via "pace di Chiostro", prima ascensione
  • 1981: Monte Gallo (Sicilia), via "il canto del Gallo", prima ascensione
  • 1981: Pizzo Grotta Màscoli (Sicilia), via "pericolo aereo", prima ascensione
  • 1981: Rocca Busabra (Sicilia), via "vuoto a perdere", prima ascensione
  • 1984: Liss dal Pesgunfi (Val Màsino), parete E, prima ascensione
  • 2005: Cima di Pino Sud (Col Nudo), parete E, prima ascensione

Spedizioni[modifica | modifica wikitesto]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Gogna, A., Grandes Jorasses Sperone Walker (Tamari, Nordpress, 1999)[14]
  • Gogna, A., Un alpinismo di ricerca (Dall'Oglio, 1975)
  • Gogna, A. Reinhold Messner, K2 (De Agostini, 1980)[15]
  • Gogna, A., La parete (Zanichelli, 1981)
  • Gogna, A., Cento nuovi mattini (Zanichelli, 1981)
  • Gogna, A., Mezzogiorno di pietra (Zanichelli, 1982)
  • Gogna, A., Rock story (Edizioni Melograno, 1983)
  • Gogna, A., Cento pareti di ghiaccio nelle Alpi (Zanichelli, 1984)
  • Gogna, A., A piedi in Valtellina (De Agostini, 1984)
  • Gogna, A., Dal Pizzo Badile al Bernina (Zanichelli, 1986)
  • Gogna, A., Sentieri verticali (Zanichelli, 1987)
  • Gogna, A., Mesolcina - Spluga (CAI - TCI, 1999)
  • Gogna, A., K2. Uomini. Esplorazioni. Imprese[16][17]
  • Gogna, A., I Grandi Spazi delle Alpi (collana di 8 volumi)[18][19]
  • Gogna, A., Le Montagne più belle (11 volumi), La Stampa - Priuli&Verlucca, 2006 e 2008[20]
  • Gogna, A., La verità obliqua di Severino Casara (con Italo Zandonella, Priuli&Verlucca, 2009)[21][22]
  • Gogna, A., Insieme in vetta (con Alessandra Raggio, Mondadori, 2014)[23]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN84720090 · ISNI: (EN0000 0000 8160 6629 · BNF: (FRcb12609507f (data)