Oleksij Mykolajovyč Bach

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Aleksej Nikolaevič Bach)
Jump to navigation Jump to search
Oleksij Mykolajovyč Bach
Stamp of USSR 1999.jpg
Bach in un francobollo sovietico del 1957

Deputato del Soviet dell'Unione del Soviet Supremo dell'URSS
Legislature I
Circoscrizione Oblast' di Tula

Oleksij Mykolajovyč Bach (in ucraino: Олексій Миколайович Бах?, in russo: Алексей Николаевич Бах?, traslitterato: Aleksej Nikolaevič Bach; Zolotonoša, 17 marzo 1857Mosca, 13 maggio 1946) è stato un chimico e politico sovietico, considerato il fondatore della biochimica sovietica.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1875 entrò all'Università di Kiev. Per la sua partecipazione a manifestazioni studentesche fu espulso dall'Università nel 1878 e deportato fino al 1881. Una volta tornato a Kiev entrò nell'organizzazione populista. Nel 1885 emigrò a Parigi, poi a Ginevra dove si dedicò ad esperimenti scientifici in piccoli laboratori. Tornato in patria nel 1917, si dedicò alla ricerca fondando l'Istituto di chimica-fisica dell'Università di Mosca, che diresse fino alla morte. Fu inoltre direttore dell'Istituto di biochimica dell'Accademia delle Scienze dell'U.R.S.S nel 1935.

Contributi[modifica | modifica wikitesto]

Nel corso della lunghissima carriera scientifica Bach si occupò di varie tematiche, tra cui l'enzimologia, i processi biologici ossidativi e la respirazione vegetale.

Avanzò inoltre un'ipotesi sull'organicazione dell'azoto nelle piante, la critica del ciclo dell'ornitina e la sintesi dell'urea.

Controllo di autoritàVIAF (EN1033078 · ISNI (EN0000 0000 6679 6962 · LCCN (ENno91008267 · GND (DE127400761 · BNF (FRcb155609055 (data)