Alberi monumentali dell'assisano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Gli alberi monumentali dell’assisano fanno parte di una vasta area che abbraccia il comprensorio di Assisi (Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara) e i comuni in cui insiste il Parco regionale del Monte Subasio (oltre ad Assisi, Spello, Nocera Umbra, Valtopina).

Gli esemplari arborei sono stati censiti dagli enti preposti in base a specifici criteri ed inseriti nei relativi elenchi ufficiali:

  • Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio dell’Umbria (SABAP Umbria)Territorio, vincoli architettonici[1].
  • Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali (Mipaaf) - Elenco degli alberi monumentali d’Italia[2], istituito a seguito della legge 14 gennaio 2013, n. 10, "Norme per lo sviluppo degli spazi verdi urbani"e al decreto 23 ottobre 2014, "Istituzione dell'elenco degli alberi monumentali d'Italia e principi e criteri direttivi per il loro censimento"[3][4][5][6]. I criteri di monumentalità, specificati nella Guida alla valutazione del carattere di monumentalità[7], sono: a) pregio naturalistico legato all’età e alle dimensioni; b) pregio naturalistico legato a forma e portamento; c) valore ecologico; d) pregio naturalistico legato alla rarità botanica; e) pregio naturalistico legato all’architettura vegetale; f) pregio paesaggistico; g) pregio storico-culturale-religioso.
La competenza attuativa in materia è demandata alle Regioni tramite l'adozione di specifiche leggi regionali.
  • Regione Umbria - Elenco degli alberi di rilevante e peculiare interesse, istituito con legge regionale 19 novembre 2001, n. 28, "Testo unico regionale per le foreste"[8].

Prima di essere soppressa nel 2011, la Comunità montana dei Monti Martani, Serano e Subasio, che all’epoca gestiva il Parco del Monte Subasio, realizzò un censimento del patrimonio arboreo di interesse dell’Umbria in collaborazione con Legambiente di Spoleto. Il progetto, denominato Patriarchi verdi, è oggi parte di uno dei due centri di documentazione ambientale della regione riconosciuti dall’ISPRA[9][10].

Gli elenchi istituzionali (Soprintendenza, Ministero, Regione Umbria, Comunità Montana) sono tra essi complementari poiché nessun loro elenco comprende esaustivamente gli elenchi dell’altra.

Dal 2019, Assisi fa parte della rete di città che hanno aderito al Progetto 400, nato da un'idea del botanico e biologo Francis Hallé e promosso dall'Università di Padova, per «mettere a dimora, studiare e preservare nei prossimi quattro secoli gli alberi monumentali del futuro» [11].

Denominazione[12] Immagine Nome scientifico Nome comune Altezza (in m) Circonferenza tronco (in m) Diametro chioma (in m) Data impianto Comune Località Elenco Criteri di monumentalità
Leccio n. 1 dell'Eremo delle Carceri Leccio n. 1.jpg Quercus ilex Leccio 9 2 4 secolare Assisi Eremo delle Carceri Mipaaf a), g)
Leccio n. 2 dell'Eremo delle Carceri Leccio n. 2.jpg Quercus ilex Leccio 23 3 16 secolare Assisi Eremo delle Carceri Mipaaf a), g)
Roverella di via Lorenzo Perosi Roverella-di-Via-Lorenzo-Perosi-(Assisi).jpg Quercus pubescens Roverella 21 4,8 30 Assisi Via Lorenzo Perosi Mipaaf a)
Tasso del conte Pucci Tasso-del-Conte-Pucci-(Assisi).jpg Taxus baccata Tasso 12,5 4,5 4,5 Assisi Porta santa Chiara, via Borgo Aretino Mipaaf a), b), f)
Biancospino di Vallonica Crataegus monogyna Biancospino 6 4,8 Assisi Monte Subasio, Rifugio di Vallonica Mipaaf a), b)
Cipressi di Villa Favelluta Cupressus sempervirens Cipresso Assisi Petrignano di Assisi, Villa Favelluta SABAP Umbria
Cipressi con edicola della Madonna Cupressus sempervirens Cipresso Assisi Via san Damiano, angolo del muro di cinta della selva del santuario SABAP Umbria
Cipresso di via Tiberio d'Assisi Cupressus sempervirens Cipresso Assisi Via Tiberio d'Assisi SABAP Umbria
Cipressi in proprietà privata Cupressus sempervirens Cipresso Assisi Cimitero di san Francesco e selva del convento SABAP Umbria
Cipressi in proprietà privata Cupressus sempervirens Cipresso Assisi Selva convento di san Francesco, Villino Mischel SABAP Umbria
Cipressi in proprietà privata Cupressus sempervirens Cipresso Assisi Declivio colle di Assisi SABAP Umbria
Cipressi in proprietà privata Cupressus sempervirens Cipresso Assisi Via declivio della Rocca SABAP Umbria
Cipresso in proprietà privata Cupressus sempervirens Cipresso Assisi Via delle carceri di san Francesco SABAP Umbria
Cipresso di Villa Fidelia Cupressus sempervirens Cipresso 20 3,8 10 1850 Spello Villa Fidelia Regione Umbria
Ginepro di Canepine Juniperus Ginepro 8 1,22 5 Valtopina Canepine Regione Umbria
Roverella di san Masseo Quercus pubescens Roverella 26 4,35 26 secolare Assisi Via san Masseo Patriarchi verdi
Pini domestici di Petrignano Pinus pinea Pino 28/30 3,2 25/26 1908 Assisi Petrignano, via dei Pini Patriarchi verdi
Rosmarino di Onelia Rosmarinus officinalis Rosmarino 0,75 5 1950 Assisi Rocca sant'Angelo Patriarchi verdi
Roverella di Capodacqua Quercus pubescens Roverella 30 4,08 27,5 secolare Assisi Capodacqua di Assisi, via Pieve di sant’Apollinare Patriarchi verdi
Tiglio di monte Cinque Querce Tilia cordata Tiglio 20 3,62 17 Bettona Monte Cinque Querce Regione Umbria
Aceri campestri di Sorifa 'Acer campestre Acero campestre 18/19 2,2-2,5 12 Nocera Umbrea Sorifa, loc. Ceresole e Le Prata Patriarchi verdi
Cipresso n. 1 del cimitero Cupressus sempervirens Cipresso 19/20 4 5,5 secolare Nocera Umbrea Cimitero urbano comunale Patriarchi verdi
Cipressi n. 2 del cimitero Cupressus sempervirens Cipresso 22 3,35 secolare Nocera Umbrea Cimitero urbano comunale Patriarchi verdi
Mandorlo di Curasci Prunus dulcis Mandorlo 2,8 15/16 Nocera Umbrea Stravignano Patriarchi verdi
Cerqua di Zucca Quercus pubescens Roverella 18 3,5 23 Nocera Umbra Sorifa Patriarchi verdi
Bagolaro della Chiona Celtis australis Bagolaro 24 3,7 23/24 Spello La Chiona, via Spineto Patriarchi verdi
Cerqua di Maria Quercus pubescens Roverella 30 4,1 25 Spello La Chiona, via san Fortunato (prima traversa) Patriarchi verdi
Roverella di via Banche Quercus pubescens Roverella 26 3,5/3,6 24 Spello Via Banche Patriarchi verdi
Gingko Progetto 400[11] Ginkgo biloba Gingko 2019 Assisi Parco Regina Margherita, viale Umberto I Progetto 400

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio dell’Umbria, Territorio, vincoli architettonici, su sabap-umbria.beniculturali.it. URL consultato il 23 luglio 2021.
  2. ^ Elenco degli alberi monumentali d’Italia, su politicheagricole.it.
  3. ^ Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, Decreto 23 ottobre 2014, Istituzione dell'elenco degli alberi monumentali d'Italia e principi e criteri direttivi per il loro censimento, su gazzettaufficiale.it.
  4. ^ Con decreto dipartimentale n. 1104 del 31 marzo 2020, il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali ha approvato le Linee guida per gli interventi di cura e salvaguardia degli alberi monumentali, su politicheagricole.it.
  5. ^ Nel 2019 è stata emessa la prima sentenza di condanna per omessa cura di un albero monumentale, decisione nel suo genere definita storica. Il caso si riferisce alla Quercia delle Checche in Val d’Orcia (Toscana), il primo monumento verde d’Italia riconosciuto dal Ministero dei Beni Culturali per i suoi valori botanico, paesaggistico, storico, culturale e religioso. Michele Anzaldi, La Quercia delle Checche andava salvata, ora lo dice anche il Tribunale di Siena, su huffingtonpost.it, 25 maggio 2019.
  6. ^ Ogni 21 novembre ricorre la Giornata degli Alberi, istituita nel 2013 dal Ministero della Transizione Ecologica (già Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare). L’obiettivo è «perseguire, attraverso la valorizzazione dell'ambiente e del patrimonio arboreo e boschivo, l'attuazione del protocollo di Kyoto, ratificato ai sensi della legge 1º giugno 2002, n. 120, e le politiche di riduzione delle emissioni, la prevenzione del dissesto idrogeologico e la protezione del suolo, il miglioramento della qualità dell'aria, la valorizzazione delle tradizioni legate all'albero nella cultura italiana e la vivibilità degli insediamenti urbani». L. 14 gennaio 2013, n. 10, su normattiva.it.
  7. ^ Guida alla valutazione del carattere di monumentalità, su politicheagricole.it.
  8. ^ Legge regionale 19 novembre 2001, n. 28, art. 12, comma 4, Testo unico regionale per le foreste, su Banca dati leggi e regolamenti della Regione Umbria.
  9. ^ Patriarchi verdi, su montagneaperte.it. URL consultato il 23 luglio 2021.
  10. ^ Regione Umbria. Biblioteche e centri di documentazione ambientale, su isprambiente.gov.it. URL consultato il 23 luglio 2021.
  11. ^ a b Progetto 400, su progetto400.net. URL consultato il 23 luglio 2021.
  12. ^ Le denominazioni sono etichette attribuite al solo scopo indicativo in mancanza di un nome proprio.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Alvaro Paggi e Tiziana Ravagli, Patriarchi verdi. Itinerari in Valle Umbra, a cura di Danilo Rapastella, Spoleto, Comunità Montana Monti Martani, Serano e Subasio, 2015, ISBN 978-88-905122-7-8.
  • Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, Laura Canini e Angela Farina (a cura di), Alberi monumentali d’Italia, Roma, Rodorigo Editore, 2018, ISBN 978-88-99544-34-8.