Adolfo Avena

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

«Adolfo Avena, a sua volta, ha intrattenuto rapporti professionali, oltre che con l'architetto di origine inglese, anche con il famoso ingegnere francese Gustave Eiffel, in particolare per la sua "Aerovia" per la città di Napoli»

(Introduzione di Piero Pensa e Luigi Cirillo[1])
Villa Loreley (facciata posteriore)

Adolfo Avena (Napoli, 29 settembre 1860[2]Napoli, 21 maggio 1937[2][3]) è stato un ingegnere e architetto italiano.

Attivo soprattutto a Napoli, fu uno dei maggiori esponenti del Liberty napoletano con le realizzazioni di numerose ville soprattutto nel quartiere Vomero.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Si laureò nel 1884 in Ingegneria, appena laureatosi presentò con Stanislao Sorrentino (ingegnere delle Tramvie napoletane) al comune di Napoli un progetto di una funicolare aerea fra via Toledo e il Corso Vittorio Emanuele. Il progetto era costituito da un lungo viadotto in travi reticolari in ferro che tagliava i Quartieri Spagnoli. Fu assunto nel 1886 al Ministero della Pubblica Istruzione di cui diventò ingegnere straordinario dei Monumenti di Roma[2] e successivamente direttore dell'ufficio regionale dei Monumenti. A lui si devono i restauri di una serie di edifici civili e religiosi presenti in Italia Meridionale, coadiuvato da Architetti e Ingegneri che attuavano le sue direttive, tra cui Ettore Bernich[4].

Notevoli sono i suoi rilievi di edifici storici che verranno mostrati all'Esposizione Nazionale di Torino del 1898. Dal 1910 si dedicò alla progettazione di ville e palazzi sulla collina del Vomero, di cui diverrà il principale riferimento del liberty vomerese.

Suo figlio, Gino Avena, seguì le orme del padre, diventando ingegnere e progettando a partire dagli anni trenta molti edifici (tra cui alcune ville) specialmente sul Vomero.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Palazzi[modifica | modifica wikitesto]

Ville[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Napoli all'alba del Novecento, a cura di Marco de Napoli, op. cit., pag. 10.
  2. ^ a b c Paolo Miscilli Migliorini, Napoli all'alba del Novecento, a cura di Marco de Napoli, op. cit., pag. 53.
  3. ^ escluso luogo di morte.
  4. ^ F. Canali, V. Galati, Paesaggi, città e monumenti di Salento e Terra d'Otranto tra Otto e Novecento, Una «piccola Patria» d'eccellenza, dalla Conoscenza alla Valutazione e alla Tutela dei Monuemnti ...,a cura di F. Canali, V. Galati, Firenze, 2017. pp,713-731..

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN50028635 · ISNI (EN0000 0000 6124 7024 · LCCN (ENn93071855 · BNF (FRcb124430689 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n93071855