Acorus calamus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Calamo aromatico
AcorusCalamus.jpg
Infiorescenza di A. calamus
Classificazione APG IV
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
(clade) Angiosperme
(clade) Mesangiosperme
(clade) Monocotiledoni
Ordine Acorales
Famiglia Acoraceae
Genere Acorus
Specie A. calamus
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Liliopsida
Sottoclasse Arecidae
Ordine Arales
Famiglia Araceae
Genere Acorus
Specie A. calamus
Nomenclatura binomiale
Acorus calamus
L., 1753
Nomi comuni

Calamo aromatico
Acoro
Canna odorosa

Il calamo aromatico (Acorus calamus L., 1753), detto anche canna odorosa[1], è una pianta erbacea palustre e perenne della famiglia delle Acoraceae.[2]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Illustrazione botanica di Acorus calamus

Portamento[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta di una specie idrofita radicante che può raggiungere dimensioni comprese tra i 50 centimetri ed il metro di altezza. Gli scapi hanno una forma triangolare e dai quali di origina l'infiorescenza.

Foglie[modifica | modifica wikitesto]

Le foglie sono lineari ed erette, di larghezza compresa tra i 10 ed 15 millimetri e di colore verde scuro.

Fiori[modifica | modifica wikitesto]

I fiori sono ermafroditi e raggruppati in un'inflorescenza a spadice conico, lungo tra i 4 e gli 8 centimetri e di colore giallo o verde chiaro. Possiedono un unico tepalo lungo al massimo 2,5 millimetri.

I frutti sono delle bacche di colore rosso.

Radici[modifica | modifica wikitesto]

La radice è costituita da un rizoma ramificato e aromatico.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

La pianta, originaria dell'Asia, si è diffusa in Europa e nei paesi dal clima temperato, inclusa l'America settentrionale[3]. Il suo habitat è costituito dalle zone umide, gli stagni o le zone ripariali e non sopporta il sole forte del mese di agosto. Vegeta a quote comprese tra 0 e 300 metri.

Usi[modifica | modifica wikitesto]

Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

Le radici sono usate in erboristeria per preparare liquori, e sono apprezzate le sue proprietà eupeptiche-digestive.

In ambito industriale ne è usata l'essenza sia in profumeria che per dare un aroma di vermouth a bibite come il chinotto.

Nel Medioevo le foglie, che profumano di limone, venivano sparse sui pavimenti per profumare l'ambiente calpestandole.

Da un punto di vista gastronomico, i germogli possono essere usati per insaporire le insalate, mentre la radice aromatizza i piatti di carne.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Charles-Louis Richard, Biblioteca sacra ovvero Dizionario universale delle scienze ecclesiastiche, vol. 4, Milano, Ranieri Fanfani, 1832, p. 272.
  2. ^ (EN) Acorus calamus, su Plants of the World Online, Royal Botanic Gardens, Kew. URL consultato il 28 dicembre 2021.
  3. ^ Diffusione della specie in America settentrionale, su plants.usda.gov. URL consultato il 20 dicembre 2009 (archiviato dall'url originale il 21 dicembre 2009).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Maria Luisa Sotti, Maria Teresa della Beffa, Le piante aromatiche. Tutte le specie più diffuse in Italia, Milano, Editoriale Giorgio Mondadori, 1989, ISBN 88-374-1057-3.
  • Sandro Pignatti, Flora d'Italia, vol. 3, Bologna, Edagricole, 1982, p. 625, ISBN 88-506-2310-0.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàNDL (ENJA00571999
  Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica