Aborym

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Aborym
Paese d'origine Italia Italia
Genere Industrial metal[1]
Black metal[1]
Periodo di attività musicale 1992 – in attività
Etichetta Season of Mist
Album pubblicati 9
Studio 6 + 3 demo
Live 0
Raccolte 0
Sito ufficiale

Gli Aborym sono un gruppo italiano industrial black metal[2][3]fondato a Taranto nel 1992[4].

Stile[modifica | modifica wikitesto]

Definiscono il proprio stile "alien-black-hard/industrial". Questa immagine viene data utilizzando un'iconografia apocalittica ed erotica, città in rovina, panorami post-industriali, corpi femminili ricoperti di luci, tagli ed "abrasioni". I testi trattano principalmente tematiche come spiritualità, esoterismo e satanismo [5].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nascono nel 1992 per volere del bassista e leader Malfeitor Fabban[6].

Sin dagli esordi hanno avuto modo di collaborare con importanti nomi della scena black metal internazionale, come il cantante Attila Csihar (Mayhem), ottenendo un buon riconoscimento internazionale anche grazie a queste blasonate partecipazioni[6]. Altre collaborazioni sono state con Bard "Faust" Eithun degli Emperor[6]; Karyn Crisis dei Crisis; Prime Evil dei Mysticum; Davide Tiso; Narchost; Richard K.Szabo di TWZ, il sassofonista Marcello Balena; Emiliano Natali; Marc Urselli; Giulio Moschini degli Hour of Penance e Pete di Blood Tsunami.

Fino al 2005, in cui il già citato Faust entra a far parte della band, gli Aborym hanno sempre utilizzato batterie elettroniche nei loro album,[1] ma la scelta di un batterista acustico non ha impedito alla band di continuare nell'utilizzo di samples e rumori industriali, loro caratteristica fin dagli esordi.

Nel 2013 è uscito il loro sesto album studio Dirty.

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Attuale[modifica | modifica wikitesto]

Ex componenti[modifica | modifica wikitesto]

Timeline[modifica | modifica wikitesto]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album studio[modifica | modifica wikitesto]

Demo[modifica | modifica wikitesto]

  • 1993 - Live In Studio
  • 1993 - Worshipping Damned Souls
  • 1997 - Antichristian Nuclear Sabbath

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Aborym su Encyclopaedia Metallum
  2. ^ http://www.spirit-of-metal.com/groupe-groupe-Aborym-l-en.html
  3. ^ Antonello Cresti, Solchi Sperimentali. Una guida alle musiche altre, CRAC Edizioni, 2014, ISBN 978-88-97389-18-7.
  4. ^ (EN) 35 Best Rock Bands From Italy, su ultimate-guitar.com, 30 giugno 2017. URL consultato il 5 novembre 2017.
  5. ^ Encyclopaedia Metallum: The Metal Archives - Aborym
  6. ^ a b c Listalo, I Migliori Gruppi Black Metal Italiani, su listalo.it. URL consultato il 5 novembre 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Metal Portale Metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Metal