Aṣṭādhyāyī

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ashtadhyayi
AutorePāṇini
1ª ed. originaledopo il VII secolo a.C. - prima del III secolo a.C.
Generesaggio
Sottogeneregrammatica
Lingua originalesanscrito

L'Ashtadhyayi (sanscrito; in devanāgarī अष्टाध्यायी, Aṣṭādhyāyī[1] "Gli otto capitoli") è una delle opere più note del grammatico indiano Pāṇini.

L'Aṣṭādhyāyī è una delle prime grammatiche di sanscrito conosciute, sebbene Pāṇini si riferisca a testi precedenti come l'Unadisutra (lista di vocaboli irregolari) il Dhatupatha (una lista di circa 2.000 radici verbali) e il Ganapatha (una lista di gruppi di parole alle quali possono essere applicate alcune regole)[2]. All'opera del Panini sono tradizionalmente associati anche gli Shiva[3], raccolta di quattordici versi che organizzano i fonemi della lingua sanscrita in brevi passaggi[4][5]. Gli argomenti trattati negli otto capitoli dell'Aṣṭādhyāyī, con diversi momenti di interruzione, possono essere riassunti nel seguente schema: 1) termini tecnici e regole di interpretazione, 2) sostantivi nella composizione e relazione tra casi, 3) i principali suffissi 4) i suffissi secondari e 5) le parole nelle frasi[6].

L'opera sulla grammatica sanscrita (Vyākaraṇa)[7][8] è incentrata sulla formulazione delle regole[9] della morfologia sanscrita ed è il testo fondamentale della branca grammaticale del Vedāṅga, le sei discipline ausiliarie tradizionalmente associate allo studio ed alla comprensione dei Veda[10][11][12].

Bisogna notare che il Vyākaraṇa di Panini non si esaurisce soltanto con l'Ashtadhyayi. Il Vyākaraṇa è infatti anche chiamato panchanga ("avente cinque membra") perché era affiancato da altri quattro testi: il Dhatupata, il Ganapatha, il Paribhashas e il Linganushasana[6]. È anche il primo lavoro conosciuto sulla linguistica descrittiva[13] (o linguistica sincronica) ed insieme all'opera degli immediati predecessori di Pāṇini (Nirukta, Nighantu, Pratishakyas) si pone alla base degli studi di storia della linguistica. La sua teoria sull'analisi morfologica era più avanzata di qualsiasi altra teoria occidentale equivalente prima della metà del XX secolo[14][15], e la sua analisi dei sostantivi composti ancora forma la base delle moderne teorie linguistiche sulla composizione, che hanno preso in prestito termini sanscriti come bahuvrihi e dvandva.

L'Ashtdhyayi contiene 3995 aforismi che sono frasi brevi e coincise suddivise in otto capitoli (adhyayas) da cui proviene il nome dell'opera; ogni capitolo è poi ulteriormente suddiviso in 4 parti (pada)[6]. Nel 1809 Henry Thomas Colebrooke presentò a Calcutta una traduzione inglese della grammatica del Panini.

La fondamentale importanza dell'opera di Panini è testimoniata dal Mahābhāshya di Patañjali, lavoro monumentale dedicato alla trattazione della grammatica paniniana.[16] La riflessione grammaticale indiana culminata con l'opera di Panini e di Patañjali giunse così ad un livello di analisi fonetica di mirabile perfezione.[17] Anche per questo il Bloomfield (Bloomfield, L. 1933, p. 11) in una celebre affermazione sottoscritta poi anche dal Cardona (Cardona, G., 1976, p. 243) definì quest'opera "uno dei più grandi monumenti dell'intelligenza umana".[18]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ "..si chiama Aṣṭādhyāyī perché contiene otto capitoli, ognuno di questi è ulteriormente diviso in quattro." (traduz dall'originale in lingua inglese). - Hindupedia alla voce Vyakarana
  2. ^ Sanskrit Literature The Imperial Gazetteer of India, v. 2, p. 263.
  3. ^ Conosciuti anche come akṣarasamāmnāya, "recitazione di fonemi", sono più conosciuti come Shiva Sutra perché si dice siano stati rivelati a Pāṇini direttamente da Shiva ("Maheshvara"). Essi furono presumibilmente composti da Pāṇini per accompagnare l'Aṣṭādhyāyī o, meno probabilmente, lo precedettero.
  4. ^ Secondo l'usanza tipica di codificare complesse regole in brevi versi (sutra) facili da memorizzare.
  5. ^ Vedi: Kiparsky, Paul (Stanford University), 1998.
  6. ^ a b c Datta, A., 2006, p. 1490. (Tradotto dall'originale in lingua inglese).
  7. ^ "Il termine, Vyākaraṇa, si forma prefissando "vi" e "ā" alla radice "kri", fare. Il primo prefisso suggerisce divisione, differenziazione, distinzione ecc.; il senso del secondo prefisso è di mettere insieme, riunire, includere ecc. Per questo, Vyākaraṇa può essere pensato come un'analisi del linguaggio per identificare gli elementi di base della lingua e una sintesi di questi elementi costitutivi. (traduzione dall'originale in lingua inglese)." - Hindupedia alla voce Vyakarana
  8. ^ "Vyākaraṇa..indica più precisamente la grammatica in quanto 'formazione delle parole'" (Cardona, C. 1988, p.654 in Milani, C., 2000, p.48.)
  9. ^ "..si chiama Aṣṭādhyāyī perché contiene otto capitoli, ognuno di questi è ulteriormente diviso in quattro." (traduzione dall'originale in lingua inglese). - Hindupedia alla voce Vyakarana
  10. ^ - Dizionario Merriam-Webster alla voce Vedanga
  11. ^ Letteralmente "membra del Veda". Apte, (Apte, V.S. 1965) definisce questo gruppo di opere: "Nome di una certa classe di opere considerate come ausiliarie ai Veda e progettate per facilitare la corretta pronuncia e l'interpretazione del testo nonché il giusto impiego cerimoniale dei Mantra.
  12. ^ - Hindupedia (The Hindu Encyclopedia) alla voce Vedanga
  13. ^ The Free DIctictyonary alla voce Pāṇini
  14. ^ Frits Staal 1988.
  15. ^ "Nell'ambito della grammatica del sanscrito l'India produsse la più precoce e mirabile delle analisi linguistiche pervenuteci ossia l'Ashtadhyayi-sutra di Panini".(Milani, C. 1999, p. 46)
  16. ^ Datta, A., 2006, p. 1491.
  17. ^ Negri, M., 2000. p. 14
  18. ^ (Traduzione dall'originale in lingua inglese) in Milani, C., p. 46.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]