Škoda 30,5 cm Vz. 1911

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Škoda 30,5 cm
Mortaio da 305/8 Mod. 1911
Skoda 305 mm Model 1911 side.jpg
Škoda 305 mm del 1911 esposto al Museo militare di Belgrado
Tipo Mortaio d'assedio
Origine Austria-Ungheria Austria-Ungheria
Impiego
Utilizzatori Austria-Ungheria Austria-Ungheria
Germania Impero tedesco
Cecoslovacchia Cecoslovacchia
Ungheria Ungheria
Germania Germania nazista
Italia Italia
Romania Romania
Jugoslavia Jugoslavia
Conflitti Prima guerra mondiale
Seconda guerra mondiale
Produzione
Progettista Richard e Oswald Dirmoser, Moritz Paul
Data progettazione 1906-1911
Costruttore Škoda Werke
Date di produzione 1911-1919
Entrata in servizio 1911
Numero prodotto 77
Varianti M.11/16 - M.16
Descrizione
Peso 18.730 kg
Lunghezza canna 3,05 m
Calibro 305 mm
Munizioni Proietto Mod. 11/9
Proietto Mod. 15/9
Shrapnel
Tipo munizioni Convenzionale (Mod. 15/9), a scoppio ritardato (Mod. 11/9), shrapnel
Peso proiettile 287 kg (Mod 15/9)
382 kg (Mod. 11/9)
300 kg (Shrapnel)
Cadenza di tiro Un colpo ogni 5 minuti max
Velocità alla volata 340 m/s
Tiro utile Da 9.600 a 11.000 metri
Elevazione + 40° a 75°
Angolo di tiro 120°
Dati presi da "Il mortaio Skoda da 30,5 cm" su Storia Militare n.279 dicembre 2016. I dati si riferiscono al modello 1911
voci di armi presenti su Wikipedia

Lo Škoda 30,5 cm Mörser Vz. 1911 o 30,5 cm Belagerungsmörser[1] fu un potente mortaio d'assedio prodotto dalla Škoda Werke di Pilsen e utilizzato soprattutto dall'Imperial regio Esercito austro-ungarico durante la prima guerra mondiale. Questo mortaio sopravvisse al primo conflitto mondiale e fu utilizzato anche durante il secondo da vari eserciti, quali il Regio Esercito, la Wehrmacht e in generale dalle Potenze dell'Asse. Secondo la nomenclatura italiana, il pezzo venne denominato 305/8, indicando con 8 la lunghezza della canna espressa in calibri.

Produzione e sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Lo sviluppo di quest'arma iniziò nel 1906 per volontà dell'alto comando dell'esercito austro-ungarico alla ricerca di un'arma capace di perforare i grossi spessori in calcestruzzo delle fortezze belghe e italiane. L'appalto per la progettazione e la costruzione fu affidato alla Škoda-Werke di Plzeň. Il lavoro per lo sviluppo continuò fino al 1909, il primo prototipo fu terminato nel 1910 con le prime prove di fuoco svolte segretamente in Ungheria.

Per alcuni problemi tecnici, il pezzo fu riaggiornato e modificato nel 1911: test svolti a Felixdorf, nelle montagne del Tirolo, accertarono che i proietti da 384 kg dell'obice riuscirono a penetrare oltre 2 metri di cemento armato grazie al guscio speciale di cui erano dotati. Successivamente Moritz von Auffenberg, il ministro della guerra, fece un primo ordine di 24 delle nuove armi.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Obice Škoda da 305mm che distrusse il Forte Verena ed il Forte Campolongo.

Per il trasporto del mortaio fu necessaria la divisione dello stesso in due parti, affusto e canna, trasportabili da un trattore stradale Austro-Daimler Artilleriezugwagen M.12 con 100 cavalli di potenza che oltre a trainare l'obice, trasportava anche dai 15 ai 18 serventi. Il tutto poteva essere montato e preparato al fuoco in circa 50 minuti.

Il mortaio poteva sparare due tipi di proietto, uno con armatura pesante con spoletta ad azione ritardata dal peso di 384 kg, e un secondo proietto da 287 kg a scoppio convenzionale. Quest'ultimo era capace di provocare un cratere di 8 metri di larghezza per 8 di profondità, e l'uccisione di fanteria nemica nel raggio di circa 400 metri.

Nel 1916, l' M.11 fu aggiornato nella nuova versione M.11/16 dove la differenza principale fu soprattutto nella piattaforma di tiro ora in grado di ruotare di 360 gradi e nell'aumento della gittata a 12.300 metri.

Storia operativa[modifica | modifica wikitesto]

Modello di Škoda 30,5 esposto al di fuori del Museo storico italiano della guerra di Rovereto (TN)

Ben otto mortai furono dati in prestito all'esercito tedesco dove furono inizialmente utilizzati sul fronte occidentale nel primo periodo di guerra. Questi furono utilizzati spesso in concomitanza con i gigantenschi 42 cm Type M-Gerät 14 o Grande Berta per distruggere le fortezze belghe intorno a Liegi, Namur e Anversa (Forti Koningshooikt, Kessel e Broechem). L'arma fu però largamente utilizzata anche sul fronte orientale, italiano e serbo fino alla fine del conflitto. Nel 1915 10 mortai furono utilizzati durante l'invasione austro-ungarico-tedesca della Serbia, guidata dal generale tedesco August von Mackensen.

Nel periodo tra le guerre mondiali, un gran numero di mortai erano in servizio in Jugoslavia (4 M.11 e 6 M.11/16), Romania, Regno d'Italia (23 M.11, 16 e M.11/16), Cecoslovacchia (17 M.11/16) e Ungheria (3 M.11 e 2 M.11/16). Nel 1939 la Germania sequestrò 17 pezzi tutti provenienti dalla Cecoslovacchia, inoltre venne riparato il mortaio del Museo dell'Arsenale di Vienna e ridenominati 30,5 cm Mörser (t). Nel 1941 le armate tedesche presero altri 5 mortai, ottenuti dopo la sconfitta della Jugoslavia e le mise in servizio come 30,5 cm Mörser 638 (j). Questi obici presero servizio contro la Polonia, la Francia e l'Unione Sovietica[2] nella seconda guerra mondiale dove servirono con gli schwere Artillerie-Abteilungen (battaglioni di artiglieria pesante) 624, 641 e 815, e in due batterie di artiglieria pesante statica (schwere Artillerie-Batterie (bodenstandig) 230 e 779). Almeno un M.11 fu sequestrato alla Jugoslavia prestò servizio nella difesa costiera dell'Adriatico come 30,5 cm Mörser 639 (j).

Oggi solo quattro di questi mortai sopravvivono, il primo M.11 è a Rovereto, Italia (Museo storico italiano della guerra), il secondo M.11 è al Museo Militare di Belgrado e un terzo M. 11 è a Bucarest, in Romania, insieme con l'unico M.16 superstite. Nel 2015 si legge sul Corriere della Sera che presso il castello Sforzesco di Milano ne era esposto un altro esemplare, ma questo è andato perduto negli anni.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nella nomenclatura austriaca: mortaio d'assedio calibro 30,5 cm.
  2. ^ Non è chiaro se i mortai dell'Esercito rumeno furono impiegati sul fronte orientale e utilizzati contro l'Armata Rossa
  3. ^ Mistero all'ombra del Castello - Che fine ha fatto il cannone? su Corriere della Sera

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gander, Terry and Chamberlain, Peter. Weapons of the Third Reich: An Encyclopedic Survey of All Small Arms, Artillery and Special Weapons of the German Land Forces 1939-1945. New York: Doubleday, 1979 ISBN 0-385-15090-3
  • Ortner, M. Christian. The Austro-Hungarian Artillery From 1867 to 1918: Technology, Organization, and Tactics. Vienna, Verlag Militaria, 2007 ISBN 978-3-902526-13-7

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Guerra Portale Guerra: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di guerra