Ödön Lechner

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ödön Lechner

Ödön Lechner (Pest, 27 agosto 1845Budapest, 10 giugno 1914) fu un architetto ungherese, soprannominato il "Gaudí ungherese".

Lechner fu uno dei principali rappresentanti del movimento di secessione nell'arte ungherese, chiamato szecesszió in ungherese, che era legato all'Art Nouveau e allo Jugendstil nel resto d'Europa. Decorò i suoi edifici con i motivi di piastrelle Zsolnay ispirati all'antica arte popolare magiara e turca. I magiari erano una popolazione che proveniva da est, il che spiega l'apparenza simil orientale degli edifici di Lechner. Egli combinò tutto ciò con l'utilizzo di materiali moderni per quell'epoca, come ad esempio il ferro.

La sua opera è stata sottoposta nel 2008 per l'inclusione nel patrimonio dell'umanità.[1]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN35263153 · ISNI (EN0000 0001 0887 4018 · LCCN (ENn83025442 · GND (DE119299801 · BNF (FRcb169251113 (data) · ULAN (EN500018844 · NDL (ENJA00620986 · WorldCat Identities (ENn83-025442