Xerocomus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Xerocomus
Boletus subtomentosus.jpg
Xerocomus subtomentosus
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Fungi
Divisione Basidiomycota
Classe Agaricomycetes
Ordine Boletales
Famiglia Boletaceae
Genere Xerocomus
Quél. 1887

Xerocomus Quél. 1887 è un genere di funghi basidiomiceti, terricoli e simbionti appartenente alla famiglia Xerocomataceae.

Le specie di questo genere hanno le seguenti caratteristiche.

Descrizione del genere[modifica | modifica wikitesto]

Carpoforo[modifica | modifica wikitesto]

Generalmente di piccola taglia. Sono funghi privi di volva, poche specie portano l'anello.

Cappello[modifica | modifica wikitesto]

Cuticola
asciutta e tomentosa.

Gambo[modifica | modifica wikitesto]

In genere di forma irregolare e di consistenza fibrosa.

Carne[modifica | modifica wikitesto]

Può essere immutabile oppure avere un viraggio più o meno debole al blu-nerastro o all'azzurro; consistente, in alcuni casi molliccia; fibrosa nel gambo.

  • Odore: in genere fruttato, quasi sempre gradevole.
  • Sapore: amabile.

Habitat[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta di funghi micorrizici, salvo eccezioni; ad esempio lo Xerocomus parasiticus, il cui carpoforo si sviluppa parassitando quello di altre specie, in prevalenza Scleroderma citrinum.

Commestibilità[modifica | modifica wikitesto]

Discreta.
Non al livello dei funghi del genere Boletus - sez. Edules, comunque si tratta di funghi generalmente saporiti e molto versatili. In alcune specie la commestibilità è trascurabile.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Questo genere non è più in uso, ed è confluito nel genere Boletus.

Xerocomus chrysenteron

La specie tipo è Xerocomus subtomentosus (L.) Fr. (1821) (= Boletus subtomentosus), altre specie incluse sono:

Galleria fotografica[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Il genere Xerocomus su Fungoceva.it