Scleroderma citrinum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Scleroderma citrinum
Scleroderma citrinum.jpg
Scleroderma citrinum
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Fungi
Divisione Basidiomycota
Classe Basidiomycetes
Ordine Boletales
Famiglia Sclerodermataceae
Genere Scleroderma
Specie S. citrinum
Nomenclatura binomiale
Scleroderma citrinum
Pers., 1801
Caratteristiche morfologiche
Scleroderma citrinum
Cappello no disegno.png
Cappello no
Smooth icon.png
Imenio liscio
No gills icon.svg
Lamelle no
Black spore print icon.png
Sporata nera
Bare stipe icon.png
Velo nudo
Immutabile icona.png
Carne immutabile
Saprotrophic ecology icon.png
Saprofita
Velenoso icona.png
Velenoso

Scleroderma citrinum Pers., Synopsis Methodica Fungorum (Gottinga): 153 (1801).

PestřecO.jpg

Descrizione della specie[modifica | modifica sorgente]

Corpo fruttifero[modifica | modifica sorgente]

Inizialmente di forma globosa, ellissoidale, più o meno irregolare con piccole pieghe; alla base è più stretto e forma una specie di gambo. Con l'età si rompe sulla parte superiore fino ad aprirsi completamente, per poi diffondere le spore.
Di colore bianco-sporco, giallo paglierino oppure giallo sporco, spesso si presenta con evidenti segni di screpolatura.

Gleba[modifica | modifica sorgente]

Coriacea, gommosa, alla fine pulverulenta.
Di color grigio da giovane, poi oliva, successivamente verde scuro, infine nera.

  • Odore: fenolico leggero, sgradevole. Più intenso nella gleba.

Spore[modifica | modifica sorgente]

Scure in massa.

Habitat[modifica | modifica sorgente]

Gregario, spesso cresce in colonie di numerosi individui, nei boschi di latifoglia oppure nei parchi cittadini ed a volte anche in piccole aiuole; su ceppaie marcescenti, fogliame in decomposizione o su terreno arato; dall' estate fino all' autunno inoltrato.

Molto comune nei castagneti, dove talvolta diventa addirittura infestante.
Tale invasione viene a volte contrastata da una specie parassita che cresce sul suo corpo fruttifero rendendola sterile, lo Xerocomus parasiticus, edule (vedi figura).

Commestibilità[modifica | modifica sorgente]

Velenoso, può causare avvelenamenti seri se ingerito in quantità.

Specie simili[modifica | modifica sorgente]

Etimologia[modifica | modifica sorgente]

Genere
dal greco skleròs = duro e derma =pelle.
Specie
dal latino citrum = limone, per via del colore giallo.
S. citrinum infestato da Xerocomus parasiticus

Sinonimi e binomi obsoleti[modifica | modifica sorgente]

  • Lycoperdon aurantium sensu auct.; fide Checklist of Basidiomycota of Great Britain and Ireland (2005)
  • Scleroderma aurantiacum sensu Carleton Rea (1922), Ramsbottom (1953), non Linnaeus (Sp. Pl., 1753); fide Checklist of Basidiomycota of Great Britain and Ireland (2005)
  • Scleroderma aurantium sensu auct.; fide Checklist of Basidiomycota of Great Britain and Ireland (2005)
  • Scleroderma vulgare Hornem., Fl. Danic.: tab. 1969, fig. 2 (1829)

Galleria di immagini[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

(EN) Scleroderma citrinum in Index Fungorum, CABI Bioscience.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

micologia Portale Micologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di micologia