Voltammetria di ridissoluzione catodica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La voltammetria di ridissoluzione catodica (o di strippaggio o di stripping, anche abbreviata in CSV dall'inglese cathodic stripping voltammetry) è una tecnica voltammetrica che permette di effettuare analisi quantitative di specie ioniche di sostanze presenti in tracce.

È simile alla voltammetria di ridissoluzione anodica, tranne per il fatto che invece dell'adsorbimento si ha una fase di deposizione; è mantenuto un potenziale ossidativo e la specie ossidata è strippata dall'elettrodo variando il potenziale positivamente. Questa tecnica è usata per specie ioniche che formano sali insolubili e possono depositarsi vicino l'anodo, cioè l'elettrodo di lavoro, durante la deposizione aumentandone la rilevabilità.

La fase di strippaggio può essere sia lineare, graduale, onda quadra, o a impusi.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Douglas A. Skoog, James J. Leary, Voltammetria in Chimica analitica strumentale, 1ª ed., Napoli, EdiSES [1992], 1995, p. 306. ISBN 88-7959-066-9.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]