Uṣṇīṣa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Usnisa)
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Buddha ritratto nell'arte del Gandhāra con la uṣṇīṣa semicircolare posta in cima alla testa.
Buddha Thailandese con la caratteristica Uṣṇīṣa a punta.

La Uṣṇīṣa (उष्णीष, protuberanza cranica, cinese: 頂相 pinyin: dǐngxiàng, giapponese: chōsō, tibetano: gtsug-gtor) è uno dei Trentadue segni maggiori di un Buddha (Dvātrimāśadvaralakṣaṇa) e corrisponde ad una protuberanza sul cranio. Secondo Hans Wolgang Schumann [1] tale segno è una eredità dell'arte greco buddhista del Regno di Gandhāra (situato tra l'odierna Valle di Peshàwar in Pakistan, l'altopiano di Pothohar e il Fiume Kabul) del I secolo. Gli scultori ellenisti furono i primi a ritrarre il Buddha in forma umana, precedentemente non era mai stato ritratto e la sua "presenza" artistica si era limitata a orme dei piedi o ad un trono vuoto. Gli scultori del Gandhāra lo ritrassero alla maniera greca, ovvero con un nodo dei capelli posto sul capo. Gli artisti indiani, e quelli degli altri paesi buddhisti, imitarono tale usanza riferendola però solo al Buddha. Ma essendo il Buddha un monaco, e quindi tosato, il nodo dei capelli si trasformò in una protuberanza cranica. Nell'arte del Gandhāra e in Cina la uṣṇīṣa è a forma semicircolare, in Thailandia è a punta o a forma di fiamma, mentre in Cambogia è a forma conica.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Hans Wolfgang Schumann. Buddhistische Bilderwelt. Köln, Eugen Diedrichs Verlag GmbH & Co. KG. 1986. Edizione italiana: Immagini Buddhiste. Roma, Edizioni Mediterranee, 1989, pag. 55.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]