Un giorno da cani (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Un giorno da cani
Un giorno da cani.png
Titolo originale
Titolo originale Puttin' on the Dog
Lingua originale inglese
Paese di produzione USA
Anno 1944
Durata 7 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 1,37:1
Genere animazione, commedia
Regia William Hanna, Joseph Barbera
Sceneggiatura William Hanna, Joseph Barbera
Produttore Fred Quimby
Casa di produzione Metro-Goldwyn-Mayer
Distribuzione (Italia) Metro-Goldwyn-Mayer
Animatori Pete Burness, Ray Patterson, Irven Spence, Kenneth Muse
Musiche Scott Bradley

Un giorno da cani (Puttin' on the Dog) è un film del 1944 diretto da William Hanna e Joseph Barbera. È il sedicesimo cortometraggio animato della serie Tom & Jerry, prodotto dalla Metro-Goldwyn-Mayer e uscito negli Stati Uniti il 28 ottobre 1944. Il cartone animato ruota attorno ai tentativi di Tom di travestirsi da cane al fine di mettere le mani su Jerry, che si è nascosto in un canile. Il corto venne rieditato il 20 ottobre 1951.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Per sfuggire a Tom, Jerry si rifugia in un canile. Tom decide allora di infiltrarsi nel canile usando una maschera da cane. Mentre dà la caccia a Jerry, Tom rischia più volte di farsi scoprire da Spike (che era stato catturato nel corto precedente, La guardia del corpo). I rischi aumentano quando Jerry, durante un inseguimento, fa cadere Tom e gli ruba la maschera. Tom recupera infine la maschera ma, nel tentativo di colpire Jerry all'interno di essa, si dà una martellata in testa. Ne risulta un bernoccolo talmente alto da smascherare Tom davanti a Spike che, infuriato, insegue il gatto fino a farlo salire in cima a un palo. Il trambusto sveglia tutti i cani che, insieme a Spike, iniziano ad abbaiare a Tom da sotto il palo. Persino Jerry, indossando la maschera, si mette ad abbaiare al gatto.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Edizione italiana[modifica | modifica wikitesto]

Nell'edizione originale Tom, prima di darsi una martellata in testa, muove la bocca senza parlare. Nell'edizione italiana, invece, dice "Accidentaccio!" (la voce è di Franco Latini).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]