Trettré

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
« A me, me pare 'na strunzata »
(Tormentone dei Trettrè al Drive In)

I Trettré sono un trio di attori comici e cabarettisti napoletani che raggiunse una grande popolarità all'inizio degli anni ottanta con la partecipazione al programma televisivo Drive In. Il trio era formato da Gino Cogliandro, Mirko Setaro ed Edoardo Romano.[1]

La carriera[modifica | modifica sorgente]

Il gruppo di comici fu formato nel 1975. Inizialmente impegnati nell'avanspettacolo e nel cabaret nei locali notturni, arrivarono presto al successo che consentì loro la partecipazione a diversi programmi televisivi tra cui Il barattolo, Il ponte sulla Manica e Lo scatolone. Nel 1983 il trio cominciò a prendere regolarmente parte alla trasmissione televisiva comica Drive In. Tra l'altro, lavorarono con Paolo Villaggio in Un fantastico tragico venerdì e Che piacere averti qui.[1]

Dopo Drive In, i Trettré parteciparono, come conduttori o protagonisti, in numerose altre trasmissioni televisive tra le quali: I-taliani (1988-90, una sitcom creata dallo stesso Setaro con la collaborazione di Lorenzo Beccati), Trisitors (1989), Raimondo e le altre (1991), Il TG delle vacanze (1991), Buona Domenica (dal 1992 al 1994), Il gioco delle coppie beach (1995), Caro bebè e Retromarsch (1996).[1]

Vantano, inoltre, un'esperienza cinematografica con Italian Fast Food (1988), trasposizione sul grande schermo delle loro gag del Drive In.

Hanno partecipato alla canzone 'O scarrafone dell'album Un uomo in blues di Pino Daniele del 1991.

Gino Cogliandro dal 1997 al 2005 è stato uno degli inviati della trasmissione Forum. Negli stessi anni ha scritto e messo in scena diverse commedie, tra cui "Otello ma non troppo", "A volte se ne Vanno", "Cavoli all'ananas". Nel 2007/8 ha fatto parte del cast di Buona Domenica. Ha lavorato in teatro con diverse commedie e ha continuato con Mediaset soprattutto in promozioni pubblicitarie.

Edoardo Romano ha realizzato una piccola parte nel film La rivincita di Natale con Diego Abatantuono.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c Felice Cappa, Piero Gelli, Marco Mattarozzi, Dizionario dello spettacolo del '900, Dalai editore, 1998, p. 1098, ISBN 88-8089-295-9. URL consultato il 2 marzo 2013.
Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Televisione