Ti do i miei occhi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

'«Mi manca il suo rumore. Si perché Pilar si muove molto rapidamente ma non fa quasi rumore. Non so, i braccialetti, i vestiti ma si muove con molta leggerezza. Quel rumore è solo suo, sa. E quando è in casa mi sento come stordito, ascoltandolo.»'

(Antonio)

Ti do i miei occhi
Titolo originale Te doy mis ojos
Paese di produzione Spagna
Anno 2003
Durata 109 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere drammatico, commedia
Regia Icíar Bollaín
Sceneggiatura Icíar Bollaín e Alicia Luna
Fotografia Carles Gusi
Montaggio Ángel Hernández Zoido
Musiche Alberto Iglesias
Scenografia Víctor Molero
Interpreti e personaggi
Premi

Ti do i miei occhi è un film del 2003 diretto da Icíar Bollaín.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Pilar, dopo l'ennesima violenza subita dal marito Antonio, decide di trasferirsi momentaneamente presso sua sorella Ana, portando con sé suo figlio Juan. Antonio però non si da pace e cerca in tutti i modi di farsi perdonare dalla moglie, frequentando dei corsi per la gestione dell'ira assieme ad altri uomini con il suo stesso problema. Dopo aver notato un apparente cambiamento nel marito, Pilar decide di tornare a vivere con lui. Tuttavia lei si troverà ad affrontare altre violenze da parte del coniuge, che arriverà a chiuderla nuda fuori dal balcone. Dopo questa umiliazione, Pilar deciderà definitivamente di denunciare e quindi lasciare il marito, facendo capire che ormai di lui non le importa più niente.

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cinema