Bakjwi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Thirst (film 2009))
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Bakjwi
Thirst.jpg
Song Kang-ho e Kim Ok-bin in una scena del film
Titolo originale 박쥐
Paese di produzione Corea del Sud
Anno 2009
Durata 133 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere orrore, drammatico
Regia Park Chan-wook
Interpreti e personaggi
Premi

Bakjwi (박쥐, lett. "Pipistrello") è un film del 2009 scritto, prodotto e diretto da Park Chan-wook, vincitore del premio della giuria al 62º Festival di Cannes.[1] La trama è liberamente ispirata al romanzo Teresa Raquin di Émile Zola.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Sang-hyun è un prete molto amato nella sua comunità. Contro il parere dei suoi superiori parte per l'Africa per un esperimento con un vaccino che serve a combattere una malattia ad alto tasso di mortalità. L'esperimento però fallisce e rientrato in Corea il prete comincia a subire una serie di trasformazioni fisiche e psicologiche finché si trasforma in un vampiro.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Awards 2009, festival-cannes.fr. URL consultato il 12 luglio 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cinema