Teoberto Maler

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Teoberto Maler

Teoberto Maler (Roma, 12 gennaio 184222 novembre 1917) è stato un esploratore e archeologo austriaco con cittadinanza messicana.

Figlio di genitori tedeschi, nasce a Roma mentre il padre è diplomatico del Granducato di Baden. Da giovane studia Architettura ed Ingegneria presso l'Università di Karlsruhe e all'età di ventuno anni si trasferisce a Vienna, dove inizia a collaborare con l'architetto Heinrich von Ferstel ed ottiene la cittadinanza austriaca.

Desideroso di conoscere il mondo, Maler si reca in Messico per arruolarsi cadetto nell'esercito dell'imperatore Massimiliano; dopo aver raggiunto il grado di capitano e la definitiva sconfitta dell'esercito imperiale, Maler decide di rimanere in Messico invece di fare ritorno in Europa, dove ottiene la cittadinanza messicana. Si interessa alla fotografia ed alle antichità del Mesoamerica: durante l'estate del 1877 è tra i primi europei a visitare San Cristóbal de las Casas e le rovine del sito archeologico di Palenque.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN27162750 · LCCN: (ENn88294358 · GND: (DE119067277 · BNF: (FRcb12457083c (data) · ULAN: (EN500224587
archeologia Portale Archeologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di archeologia