Taphozous kapalgensis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Taphozous kapalgensis
Immagine di Taphozous kapalgensis mancante
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Superordine Laurasiatheria
Ordine Chiroptera
Sottordine Microchiroptera
Famiglia Emballonuridae
Sottofamiglia Taphozoinae
Genere Taphozous
Specie T.kapalgensis
Nomenclatura binomiale
Taphozous kapalgensis
McKean & Friend, 1979

Taphozous kapalgensis (McKean & Friend, 1979) è un pipistrello della famiglia degli Emballonuridi endemico dell'Australia.[1][2]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Dimensioni[modifica | modifica wikitesto]

Pipistrello di medie dimensioni, con la lunghezza della testa e del corpo tra 69 e 74 mm, la lunghezza dell'avambraccio tra 59 e 63 mm, la lunghezza della coda di 22,8 mm, la lunghezza del piede tra 12,1 e 12,4 mm, la lunghezza delle orecchie tra 16 e 18 mm e un peso fino a 26 g.[3][4][5]

Aspetto[modifica | modifica wikitesto]

La pelliccia è relativamente lungo e fine. Le parti dorsali sono marrone brillante, mentre le parti ventrali sono giallo-brunastre con dei riflessi arancioni sul mento. Una banda di lunghi peli biancastri si estende su ogni fianco all'attaccatura delle ali. La testa è relativamente piatta e triangolare, il muso è conico, con una depressione tra gli occhi, privo di peli e con una sacca golare ben sviluppata nei maschi e ridotta ad una piega rudimentale nelle femmine. Sul labbro inferiore è presente un solco longitudinale superficiale. Gli occhi sono relativamente grandi. Le orecchie sono triangolari con la punta smussata, rivolte all'indietro, separate tra loro, con diverse pieghe e piccoli peli bruno-arancioni sulla superficie interna del padiglione auricolare. Il trago è corto, largo, con l'estremità ampia e un lobo alla base posteriore, mentre l'antitrago è grande, lungo e si estende fino all'angolo posteriore della bocca. Le membrane alari sono lunghe e strette. È presente una sacca ghiandolare tra l'avambraccio ed il primo metacarpo. La coda è lunga e fuoriesce dall'uropatagio a circa metà della sua lunghezza. Il calcar è lungo.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Comportamento[modifica | modifica wikitesto]

Si rifugia nelle cavità degli alberi e forse anche sotto le fronde di alberi di Pandanus

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

Si nutre di insetti volanti catturati in spazi aperti e sopra la volta forestale.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Questa specie è diffusa nell'estrema parte settentrionale del Territorio del Nord.

Vive in mangrovie, macchie di foreste monsoniche, terreni alluvionali e boschi.

Stato di conservazione[modifica | modifica wikitesto]

La IUCN Red List, considerata l'ampia diffusione e la popolazione sufficientemente numerosa, nonostante l'habitat particolare delle foreste di Pandanus siano soggette a ricorrenti incendi, classifica T.kapalgensis come specie a rischio minimo (LC).[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Woinarski, J., Lumsden, L. & Milne, D. 2008, Taphozous kapalgensis in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.2, IUCN, 2014.
  2. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Taphozous kapalgensis in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.
  3. ^ Chimimba & Kitchener, 1991
  4. ^ Menkhorst & Knight, 2001
  5. ^ Richards & Hall, 2012

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi