Suore della Provvidenza (Saint Mary-of-the-Woods)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Le Suore della Provvidenza (in inglese Sisters of Providence of Saint Mary-of-the-Woods) sono un istituto religioso femminile di diritto pontificio: i membri di questa congregazione pospongono al loro nome la sigla S.P.[1]

Cenni storici[modifica | modifica sorgente]

Nel 1834 il vescovo di Vincennes, Simon Bruté (1779-1839), inviò in Francia il suo vicario generale, Célestine de la Hailandière (1798-1882) per cercare religiosi disposti a trasferirsi nella neocostituita diocesi per dedicarsi all'insegnamento e ad altre opere pastorali: nel corso del viaggio Hailandière apprese dalla morte del suo vescovo e della sua elezione quale suo successore.[2]

Accogliendo l'appello del vescovo americano, Théodore Guérin (1798-1856) lasciò le Suore della Provvidenza di Ruillé-sur-Loir e, il 22 ottobre 1840, fondò una casa autonoma a Saint-Mary of the Woods, presso Terre Haute, nell'Indiana. La regola della comunità fu la stessa dell'omonimo istituto di Ruillé, approvata dal vescovo di Le Mans Jean-Baptiste Bouvier. Durante la guerra di secessione americana le suore prestarono anche servizio infermieristico negli ospedali da campo.[2]

La congregazione ottenne il pontificio decreto di lode il 3 giugno 1887 e le sue costituzioni vennero approvate definitivamente dalla Santa Sede il 12 marzo 1894. Il 10 luglio 1913 le Suore della Provvidenza vennero aggregate all'Ordine dei Frati Minori Conventuali.[2]

La fondatrice è stata canonizzata da papa Benedetto XVI il 15 ottobre 2006.[3]

Attività e diffusione[modifica | modifica sorgente]

Le Suore della Provvidenza si dedicano all'itruzione e all'educazione cristiana della gioventù.[2]

Sono presenti negli Stati Uniti d'America e a Taiwan.[4] La sede generalizia è a Saint Mary-of-the-Woods, in arcidiocesi di Indianapolis.[1]

Al 31 dicembre 2005 l'istituto contava 474 religiose in 172 case.[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c Ann. Pont. 2007, p. 1667.
  2. ^ a b c d DIP, vol. VII (1983), coll. 1085-1086, voce a cura di E. Loogan.
  3. ^ Ufficio delle celebrazioni liturgiche del Sommo Pontefice. URL consultato il 28-7-2009.
  4. ^ Who are we?. URL consultato il 28-7-2009.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cattolicesimo Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cattolicesimo