Sublinguale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

Per sublinguale, si intende letteralmente l'area che si trova "sotto la lingua",[1] Può indicare sia un particolare tipo di somministrazione dei farmaci di tipo orale (per bocca) ma anche la zona anatomica del corpo umano e animale.

In farmacologia[modifica | modifica sorgente]

I farmaci possono essere somministrati all'individuo in vari modi, fra essi esiste un particolare sistema denominato sublinguale che consiste nel posizionare un dato medicinale sotto la lingua e aspettare che venga disciolto dopo poco tempo, è una forma di assunzione molto rapida e quindi molto più potente.

Fisiologia[modifica | modifica sorgente]

Il medicinale viene a contatto con la membrana mucosa, e si diffonde, sciogliendosi, nell'epitelio sotto la lingua, un'area densa di vasi sanguigni, entrando in circolo, ovvero nel sangue molto velocemente rispetto alla somministrazione orale normale.

L'assorbimento è di tipo mediato e il meccanismo è la diffusione passiva. Rispetto ad altre vie di somministrazione è più vantaggiosa poiché permette l'autosomministrazione. L'effetto è rapido (2-3 minuti), ed inoltre non c'è perdita pre-ematica del farmaco. Per contro, può dare irritazione e il sapore può essere sgradevole.

Usi[modifica | modifica sorgente]

Tale somministrazione viene utilizzata sovente in cardiologia nell'uso di nitroglicerina utilizzata nei casi di angina pectoris. Altri farmaci somministrati con tale metodo sono il captopril e la diferipina (Ca++ antagonista) per curare l'ipertensione. Viene utilizzata anche l'apomorfina per trattare le disfunzioni erettili[2][3] e contro alcuni dei sintomi della malattia di Parkinson. La somministrazione sublinguale viene utilizzata anche in alcuni farmaci, come la buprenorfina, per il trattamento contro la dipendenza di oppiacei.

La misurazione della velocità della circolazione sanguigna sublinguale viene utilizzata come esame per diagnosticare alcuni sintomi di diverse malattie, come nel caso di una forma di anemia (anomala diminuzione della quantità di sangue nel corpo) chiamata drepanocitica.[4]

Ultimamente si sta sperimentando con successo la SLIT (l'immunoterapia sublinguale) come metodo di cura per le allergie, anche se attualmente la quantità da somministrare è discussa e non sempre le persone trovano giovamento,[5] mentre in alte dosi tratta con successo rinite sia con presenza di asma che senza.[6]

La zona sublinguale del corpo umano

Controindicazioni[modifica | modifica sorgente]

Nel consumo a lungo termine i denti si ingialliscono, ed è possibile visto la continua stimolazione di una zona delicata un'irritazione e la comparsa di un edema, ma si stanno effettuando studi per riuscire a combattere le reazioni non desiderate.[7]

In anatomia[modifica | modifica sorgente]

Nella zona sublinguale si ritrova oltre alla mucosa:

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Douglas M. Anderson, A. Elliot Michelle, Mosby’s medical, nursing, & Allied Health Dictionary sesta edizione pag 1432, New York, Piccin, 2004, ISBN 88-299-1716-8.
  2. ^ Pavone C, Curto F, Anello G, Serretta V, Almasio PL, Pavone-Macaluso M., Prospective, randomized, crossover comparison of sublingual apomorphine (3 mg) with oral sildenafil (50 mg) for male erectile dysfunction. in J Urol., vol. 179, maggio 2008, pp. 92-94.
  3. ^ Von Keitz AT, Ströberg P, Bukofzer S, Mallard N, Hibberd M., BJU Int., vol. 89, marzo 2002, pp. 409-415.
  4. ^ van Beers EJ, Goedhart PT, Unger M, Biemond BJ, Ince C., Microvasc Res., vol. 12, marzo 2008.
  5. ^ Röder E, Berger MY, Hop WC, Bernsen RM, de Groot H, Gerth van Wijk R., Sublingual immunotherapy with grass pollen is not effective in symptomatic youngsters in primary care. in J Allergy Clin Immunol., vol. 119, maggio 2007, pp. 892-94.
  6. ^ Pfaar O, Klimek L., Efficacy and safety of specific immunotherapy with a high-dose sublingual grass pollen preparation: a double-blind, placebo-controlled trial. in Ann Allergy Asthma Immunol., vol. 100, marzo 2008, pp. 256-263.
  7. ^ Allam JP, Stojanovski G, Friedrichs N, Peng W, Bieber T, Wenzel J, Novak N., Distribution of Langerhans cells and mast cells within the human oral mucosa: new application sites of allergens in sublingual immunotherapy? in Allergy., vol. 63, 2008, pp. 720-727.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Joseph C. Segen, Concise Dictionary of Modern Medicine, New York, McGraw-Hill, 2006, ISBN 978-88-386-3917-3.
  • Douglas M. Anderson, A. Elliot Michelle, Mosby’s medical, nursing, & Allied Health Dictionary sesta edizione, New York, Piccin, 2004, ISBN 88-299-1716-8.
medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina