Statuto di Rhuddlan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Lo Statuto di Rhuddlan (in gallese: Statud Rhuddlan), promulgato il 19 marzo 1284 nel castello di Rhuddlan[1], fu lo statuto che decretò il passaggio delle terre del Galles fino ad allora denominate Principato di Gwynedd e detenute da Llywelyn Ein Llyw Olaf ap Gruffydd e brevemente dopo la sua morte da Dafydd ap Gruffydd, alla corona inglese. Lo statuto segnò il completamento della conquista militare di quei territori messa in atto da Edoardo I d'Inghilterra tra il 1282 e il 1283.

Lo statuto divise il principato nelle contee di Anglesey, Merionethshire, Caernarfonshire e Flintshire[2] e rimase in vigore fino alla promulga degli Laws in Wales Acts da parte di Enrico VIII con cui venne riorganizzata l'amministrazione di tutto il Galles.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ G. W. S. Barrow, Feudal Britain: the completion of the medieval kingdoms, 1066-1314, E. Arnold, 1956. URL consultato il 2 marzo 2011.
  2. ^ J. Graham Jones, The history of Wales: a pocket guide, University of Wales Press, gennaio 1990, p. 32, ISBN 978-0-7083-1076-2. URL consultato il 2 marzo 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]