Dafydd ap Gruffydd

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stemma araldico di Dafydd ap Gruffydd

Dafydd ap Gruffydd (Gwynedd, 11 luglio 1238Shrewsbury, 3 ottobre 1283) fu principe del Galles dal dicembre del 1282 fino alla sua cattura e alla sua esecuzione nel 1283. Dopo la morte del fratello Llywelyn ap Gruffydd, fu l'ultimo signore gallese libero, eccetto che per il periodo della ribellione.

Principe del Gwynedd, figlio di Gruffydd ap Llywelyn Fawr, detto "l'illegittimo" e Senena, e quindi nipote di Llywelyn il Grande, nel 1241 fu consegnato come ostaggio a Enrico III d'Inghilterra insieme al fratello Rhodri ap Gruffydd, in seguito ad un accordo. Nel 1253 fu invitato a rendere omaggio a Enrico. Nel 1255, insieme al fratello Owain, sfidò l'altro fratello, Llywelyn, che però li sconfisse nella battaglia di Bryn Derwin. Dafydd fu dapprima imprigionato e poi rilasciato l'anno successivo.

Dopo una serie di alterne vicende, nel 1274 Dafydd si unì a Edoardo I d'Inghilterra contro Llywelyn. Avendo però ricevuto per i suoi servigi meno terre di quelle promesse, nel marzo del 1282 attaccò il castello di Hawarden, dando così il via allo scontro finale tra dinastia normanna e Galles (che perderà definitivamente la sua indipendenza). L'ultimo principe del Gwynedd e del Galles regnò per pochi mesi dopo la morte di Llywelyn, rifugiandosi, per, nelle montagne. Nel maggio del 1283 fu tradito da un gallese e fatto prigioniero.

La resistenza gallese contro re Edoardo era finita: in giugno fu condannato a morte e secondo le fonti fu la prima vittima ad essere punita per un nuovo tipo di crimine: alto tradimento. Fu giustiziato tramite impiccagione e sventramento, il 3 ottobre del 1283. Seguì una generale eliminazione della sua famiglia. Tuttavia un membro della casata di Cunedda sopravvisse: era Madoc ap Llywelyn, che nel 1294 - 1295 guiderà l'ultima rivolta gallese e che sarà l'ultimo nativo a essere riconosciuto Principe del Galles.

Predecessore Re del Gwynedd Successore
Owain Goch ap Gruffydd 1282 - 1283 Madoc ap Llywelyn
storia Portale Storia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di storia