Sindrome di Gerusalemme

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Gerusalemme città santa per Ebrei, Cristiani e Musulmani

La sindrome di Gerusalemme consiste nella manifestazione improvvisa, da parte del visitatore della città di Gerusalemme, di appassionati sentimenti religiosi e di un impulso a proferire espressioni visionarie.

La sindrome è simile a quella di Stendhal, che si manifesta, invece, a Firenze durante la visita alle bellezze artistiche della città, ma si differenzia in quanto, abitualmente, è collegata all'ambito religioso.

Alcuni tra i maggiori studiosi del fenomeno, quali il Yair Bar-El, affermano che questa sindrome si manifesti in turisti privi di precedenti sintomi psichiatrici[1], mentre altri, come Eliezer Witztum, affermano il contrario[2]. La sindrome di Gerusalemme non è inclusa né referenziata nel DSM IV.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La sindrome è stata descritta, da un punto di vista clinico, nel 1930 dallo psichiatra Heinz Herman, ma già nel Medio Evo, il teologo domenicano Felix Fabri, narrò episodi analoghi, nei suoi dettagliati racconti dei pellegrinaggi in Terra Santa.
Uno dei casi clinici più significativi, fu quello del turista australiano Michael Rohan, che, nel 1969, accecato da un "raptus", tentò di incendiare la moschea di "Al-Aqsa" situata al Monte del Tempio di Gerusalemme, ovverosia la zona sacra contesa da ebrei e islamici.

Tipologia[modifica | modifica wikitesto]

Il Dr. Bar-El propone di suddividere il fenomeno in tre tipi distinti[1]:

  • Soggetti con sintomi psichiatrici manifestati prima del loro arrivo a Gerusalemme. Tipicamente, questi individui si recano nella città santa avendo un'idea fissa di religiosità, tradita o delusa, oltre a sentirsi investiti di un incarico o di una missione da compiere nella quale credono ciecamente, ovviamente senza reali necessità. Per esempio, una persona affetta da questa sindrome, può credere di essere un'importante figura religiosa (mistico, santo, profeta) oppure essere influenzata fortemente da un'idea o da un concetto religioso (come la messianica seconda venuta sulla terra di Gesù).
  • Soggetti che presentino una ossessione culturale che veda al centro dei loro pensieri Gerusalemme. Può manifestarsi con una forte avversione nei confronti di qualche riferimento culturale-religioso.
  • Soggetti che evidenzino sintomi psicotici dopo il loro arrivo a Gerusalemme, tra i quali:
    • Ansietà, agitazione, nervosismo e tensione.
    • Manifestazione dichiarata di separarsi dal resto del gruppo o dalla famiglia per continuare da solo il "tour" di Gerusalemme. Le guide turistiche, allertate da questi segnali, abitualmente informano le autorità sanitarie.
    • Un bisogno ossessivo di pulizia e igiene esplicato in continui lavaggi di mani e corpo.
    • Preparazione di lunghe toghe bianche.
    • Il bisogno di declamare versi o salmi religiosi, o di cantare Inni Sacri.
    • Il desiderio irrefrenabile di eseguire processioni o marce verso luoghi caratteristici.
    • La creazione di sermoni, il cui contenuto è, abitualmente, semplice, confuso, teso ad indicare una via morale da seguire.

Vengono ricoverati in strutture psichiatriche, dove restano, solitamente, per qualche settimana.

Casistica e statistica[modifica | modifica wikitesto]

Durante il periodo che va dal 1980 al 1993, il "Kfar Shaul Mental Centre" ha rilevato[1] 1200 casi di turisti affetti da sintomi mentali ricollegabili alla sindrome; tra costoro, 470 malati sono stati ricoverati.
In media su 100 turisti visitati e analizzati, almeno 40 necessitano il ricovero. La maggioranza dei casi si "risolve" in una durata dai 7 ai 10 giorni dal primo evento. A livello clinico non viene riscontrato nulla e la persona, al termine, non ne parla più e quasi ne ha comprensibilmente paura.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Bar-el Y, Durst R, Katz G, Zislin J, Strauss Z, Knobler HY. (2000) Jerusalem syndrome. British Journal of Psychiatry, 176, 86-90. Full text
  2. ^ Kalian M, Witztum E. (2000) Comments on Jerusalem syndrome. British Journal of Psychiatry, 176, 492. Full text

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Tannock C, Turner T. (1995) Psychiatric tourism is overloading London beds. BMJ 1995;311:806
  • Kalian M. Catinari S. Heresco-Levi U. Witztum E. Spiritual Starvation in a holy space – a form of Jerusalem Syndrome Mental Health, Religion & Culture 11(2): 161-172, 2008.
  • Kalian M., Witztum E., Jerusalem Syndrome as reflected in the pilgrimage and biographies of four extraordinary women from the 14th century to the end of the 2nd Millennium. Mental Health, Religion and Culture, Vol.5, 2002
  • Van der Haven A., The holy fool still speaks. The Jerusalem Syndrome as a religious subculture. In: Mayer T, Mourad SA Eds.: Jerusalem. Idea and Reality. Routledge, 2008, pp. 103-122.
  • Witztum E., Kalian M., The Quest for redemption: Reality and Fantasy in the Mission to Jerusalem. In: Hare PA and Kressel GM Eds.: Israel as Center Stage. Bergin and Garvy, 2001
  • E. Witztum, M. Kalian, The Jerusalem syndrome--fantasy and reality a survey of accounts from the 19th century to the end of the second millennium. in Isr J Psychiatry Relat Sci, vol. 36, nº 4, 1999, pp. 260-71, PMID 10687302.
  • K. Prochwicz, A. Sobczyk, [Jerusalem syndrome. Symptoms, course and cultural context]. in Psychiatr Pol, vol. 45, nº 2, pp. 289-96, PMID 21714216.
  • Y. Bar-el, R. Durst; G. Katz; J. Zislin; Z. Strauss; HY. Knobler, Jerusalem syndrome. in Br J Psychiatry, vol. 176, Jan 2000, pp. 86-90, PMID 10789334.
  • M. Kalian, E. Witztum, Comments on Jerusalem syndrome. in Br J Psychiatry, vol. 176, maggio 2000, p. 492, PMID 10912228.
  • G. Giusti, [Jerusalem syndrome]. in Recenti Prog Med, vol. 102, nº 10, Oct 2011, p. 408, PMID 22069857.
  • M. Kalian, E. Witztum, Jerusalem syndrome or paranoid schizophrenia? in Psychiatr Serv, vol. 51, nº 11, Nov 2000, pp. 1453-4, PMID 11058200.
  • JS. Hellewell, PM. Haddad, Further comments on Jerusalem syndrome. in Br J Psychiatry, vol. 176, Jun 2000, p. 594, PMID 10974969.
  • N. Fastovsky, A. Teitelbaum; J. Zislin; G. Katz; R. Durst, The Jerusalem syndrome. in Psychiatr Serv, vol. 51, nº 8, Aug 2000, p. 1052, PMID 10913469.
  • J. Siegel-Itzkovich, Israel prepared for Jerusalem syndrome. in BMJ, vol. 318, nº 7182, Feb 1999, p. 484, PMID 10094531.
  • S. Harlap, Down's syndrome in West Jerusalem. in Am J Epidemiol, vol. 97, nº 4, Apr 1973, pp. 225-32, PMID 4266823.
  • N. Fastovsky, A. Teitelbaum; J. Zislin; G. Katz; R. Durst, Jerusalem syndrome or paranoid schizophrenia? in Psychiatr Serv, vol. 51, nº 11, Nov 2000, p. 1454, PMID 11058201.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]