Selevinia betpakdalaensis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Ghiro del deserto
Selevinra betpakdalensis.jpg
Selevinia betpakdalaensis
Stato di conservazione
Status none DD.svg
Dati insufficienti
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Classe Mammalia
Superordine Euarchontoglires
(clade) Glires
Ordine Rodentia
Sottordine Sciuromorpha
Famiglia Gliridae
Sottofamiglia Leithiinae
Genere Selevinia
Specie S. betpakdalaensis
Nomenclatura binomiale
Selevinia betpakdalaensis
Belosludov & Bazhanov, 1939
Sinonimi

Selevinia paradoxa

Il Ghiro del deserto (Selevinia betpakdalaensis) è un roditore della famiglia dei Gliridae, endemico del Kazakhstan. È l'unica specie del genere Selevinia.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

È un roditore di piccola taglia, lungo 7,5-9,5 cm, per un peso di 18-24 g. La coda è lunga 6-7 cm.

La pelliccia, folta e densa, è di colore grigiastro sul dorso e biancastro sul ventre.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Vive in una ristretta area desertica sulle sponde del lago Balkhash nel Kazakhstan orientale.

Popola boschetti di Spirianthus o cespuglieti di Salsola laricifolia.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Ha abitudini prevalentemente notturne.

Quando la temperatura scende al di sotto dei 5 °C va in letargo.

La sua dieta consiste essenzialmente di piccoli artropodi.

L'accoppiamento occorre tra maggio e luglio. La femmina dà alla luce da 6 a 8 piccoli.

Status e conservazione[modifica | modifica wikitesto]

La IUCN Red List considera questa specie come in pericolo (EN) di estinzione.

La Zoological Society of London, in base a criteri di unicità evolutiva e di esiguità della popolazione, considera Selevinia betpakdalaensis una delle 100 specie di mammiferi a maggiore rischio di estinzione.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi