Schleicher ASK 13

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Schleicher ASK 13
ASK 13 in decollo con lancio al verricello.
ASK 13 in decollo con lancio al verricello.
Descrizione
Tipo aliante da addestramento
categoria A
Equipaggio 1/2
Progettista Rudolf Kaiser
Costruttore Alexander Schleicher GmbH & Co
Data primo volo luglio 1966
Data entrata in servizio gennaio 1967
Data ritiro dal servizio in servizio
Esemplari oltre 700
Dimensioni e pesi
Lunghezza 8,18 m
Apertura alare 16,0 m
Altezza 1,60 m
Superficie alare 17,5
Efficienza 28
Peso a vuoto 290 kg
Peso max al decollo 480 kg
Prestazioni
VNE 200 km/h
Velocità massima efficienza 85 km/h[1]
Velocità minima di discesa 70 km/h[1]
Velocità di stallo 60 km/h[1]

[senza fonte]

voci di alianti presenti su Wikipedia
Un ASK 13 a terra.

Lo Schleicher ASK 13 è un aliante biposto appartenente alla categoria A (acrobatica) prodotto dall'azienda tedesca Alexander Schleicher GmbH & Co dagli anni settanta.

È stato, ed è tuttora, ampiamente utilizzato per la scuola e la formazione dei piloti. Numerosi esemplari sono ancora impiegati nelle scuole di volo a vela italiane per il conseguimento della licenza di pilota privato di aliante.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1965 Rudolf Kaiser, continuando lo sviluppo del Ka 2 e dello Schleicher Ka 7, progettò l'ASK 13, utilizzando più materiali: metallo, legno e fibra di vetro. Innovativo per l'epoca, offriva un'eccellente visibilità ad entrambi i piloti.

Il primo prototipo venne portato in volo per la prima volta nel luglio 1966 e la produzione ebbe inizio nel gennaio 1967; ad oggi un totale di circa 700 ASK 13 sono stati costruiti da Schleicher.

Dall'ASK 13 deriva il più recente ASK 21.

Caratteristiche di volo[modifica | modifica wikitesto]

Di superba concezione, l'ASK 13 è adatto all'esecuzione della vite che con questo aliante è di facile esecuzione e gestione, come lo è per lo stallo nelle varie configurazioni; per questo motivo è stato impiegato per la scuola, cosa che lo ha reso popolare nei club di tutto il mondo; la posizione dell'ala consente al secondo pilota di essere seduto vicino al baricentro, il che permette di ottenere lo stesso comportamento sia nel volo in doppio che in quello solista.

I fattori di carico limite vanno da +4 a -2,5 g[1].

Caratteristiche costruttive[modifica | modifica wikitesto]

L'ala, leggermente con freccia negativa di 6 gradi e dotata di profilo alare Göttingen 535/549, è a struttura in legno con rivestimento in legno e tela ; i diruttori metallici sono sia sopra che sotto l'ala, e gli alettoni sono a struttura in legno con rivestimento in tela. Parte della struttura è in abete rosso e la fusoliera è una struttura tubolare in acciaio saldato coperta di tela, fatta eccezione per il muso che è in fibra di vetro. Gli impennaggi hanno struttura in compensato con rivestimento in tela per le parti mobili e in legno per quelle fisse.

Il carrello monotraccia era originariamente formato da una ruota principale con pattino sotto il muso, poi sostituito su alcuni esemplari con una seconda ruota.

Utilizzatori[modifica | modifica wikitesto]

Militari[modifica | modifica wikitesto]

Belgio Belgio
operarono con 9 esemplari dall'aprile 1967, tutti ritirati dal servizio nel 2004[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Ask-13 in Aeroclub Volovelistico del Mugello, http://www.mugellogliding.aero/home.htm. URL consultato il 25-04-2009.
  2. ^ Schleicher ASK13 - Belgian Military Aircraft Database

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Martin Simons. Sailplanes 1965 - 2000 (Volume 3). Eqip Werbung & Verlag Gmbh (2004) ISBN 3-9808838-1-7

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Aviazione Portale Aviazione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Aviazione