Sauro Petrini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sauro Petrini
Sauro Petrini.jpg
Sauro Petrini con la maglia del Mantova (1971)
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Altezza 172 cm
Peso 68 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Ala
Ritirato 1979
Carriera
Giovanili
Forli Forlì
Squadre di club1
1968-1970 Forli Forlì 46 (5)
1970-1972 Mantova Mantova 37 (8)
1972-1974 Sampdoria Sampdoria 41 (3)
1974-1975 Avellino Avellino 28 (4)
1975-1976 Cesena Cesena 11 (1)
1976-1978 Catanzaro Catanzaro 20 (1)
1978-1979 Rimini Rimini 14 (1)
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Sauro Petrini (San Pietro in Vincoli, 6 luglio 1952Forlimpopoli, 2 luglio 2006) è stato un calciatore e dirigente sportivo italiano.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuto nel Forlì, Petrini si rivelò nel Mantova conquistando con la squadra lombarda la massima serie.

Segnò 6 gol e non riuscì a salvare la squadra biancorossa dalla retrocessione. Passò quindi alla Sampdoria che lo acquistò assieme al suo compagno di attacco Roberto Badiani cedendo in cambio al Mantova Ermanno Cristin e Rocco Fotia.

Rimase due anni in blucerchiato, poi, salvo una breve parentesi nei cadetti con l'Avellino, continuò a giocare in Serie A militando nel Cesena e nel Catanzaro, con cui conquistò la promozione in massima serie nella stagione 1977-1978, sia pure da rincalzo (9 presenze senza reti).

Dopo una stagione a Rimini in Serie B, scelse di proseguire l'attività agonistica nelle serie minori.

In carriera ha totalizzato complessivamente 87 presenze e 11 reti in Serie A e 64 presenze e 7 reti in Serie B.

Appese le scarpe al chiodo, rimase nel mondo del calcio fondando la prima società di calcio a 5 di Forlì e svolgendo le mansioni di dirigente.

È scomparso nel 2006 all'età di 53 anni, stroncato da una grave malattia, lasciando la figlia Maria Giulia e la moglie Daniela.

Sauro Petrini lascia inoltre Desiree Colapietro Petrini, giornalista professionista che vive e lavora a Roma, avuta precedentemente dalla compagna Claudia.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]