Rupia dell'India francese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rupia dell'India francese
Nome locale Roupie (FR)
Rupee (EN)
French1rupee.jpg
Una rupia francese, 1938
Codice ISO 4217 -
Stati India francese
Simbolo R
Frazioni fanon (1/8), doudou (1/24), cash (1/160)
dagli anni 1870: anna (1/16), pice (1/64) pie (1/192)
Entità emittente Banque de l'Indochine
Periodo di circolazione 1875 - 1954
Sostituita da Rupia indiana dal 1954
Tasso di cambio ()
Agganciata a Rupia indiana
Lista valute ISO 4217 - Progetto Numismatica

La rupia (francese roupie inglese rupee) è stata la moneta dell'India francese. Aveva lo stesso valore della Rupia indiana emessa dal governo britannico e poi da quello indiano. Fino al 1871 fu emessa solo come moneta: la roupie era suddivisa in 8 fanon, ognuno di 3 doudou o 20 cash. Dal 1875 furono emesse banconote dalla francese Banque de l'Indochine. Queste banconote circolarono accanto anche alle emissioni dell'India britannica. Da questa data le rupia dell'India francese

Monete[modifica | modifica sorgente]

Le monete furono coniate alle zecche di Arcot, Podichery e Surat.

Alla zecca di Arcot furono coniate, a nome dello shah Alam II, monete d'argento dal valore di 1/4, 1/2 ed 1 rupia. Le monete erano caratterizzate dal segno di zecca costituito da un crescente. Il peso della rupia era di ca. 11,4 grammi. Le monete furono coniate negli AH 1177- 1233 (cioè circa 1763-1817).[1]

A Podichery ci fu una coniazione nel periodo 1720 -1837. Era costituita da monete in bronzo da 1 cache, in rame da 1/2 ed 1 doudou, in argento da 1/2, 1 e 2 fanon. Nel periodo 1830-1848 fu coniata anche una moneta in oro da 1 pagoda.[1]

Banconote[modifica | modifica sorgente]

Le banconote furono emesse dalla Banque de l'Indochine, dal 21 gennaio 1875 fino al 1945.

Tabella dei cambi, 1843[modifica | modifica sorgente]

Pagoda Roupies Fanon
(Panam)
Cash
(Kāsu)
Franco
1 3,5 28 560 8,40
1 8 160 2,40
1 20 0,30
1 0,015

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Krause: Standard Catalog ...."

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]