Crescente (araldica)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Crescente è un termine utilizzato in araldica per indicare il quarto di luna.

Le punte del crescente si chiamano corna. A seconda della loro posizione, il crescente può essere detto:

  • volto o voltato quando le punte sono rivolte verso il fianco destro;
  • montante quando le punte sono rivolte al capo;
  • rivolto o rivoltato quando le punte sono rivolte verso il fianco sinistro;
  • riversato o rovesciato quando le punte guardano la parte inferiore dello scudo.

Fra gli autori non c'è accordo su quale sia la posizione ordinaria, quindi da non blasonare: secondo alcuni[senza fonte] si tratta del crescente volto, mentre secondo il Volpicella si tratta del crescente montante[1], come avviene nell'araldica francese ed occitana.

I crescenti possono assumere particolari ordinazioni, in cui le posizioni rispettive non si blasonano perché sottointese dall'ordinazione: per esempio, se due crescenti sono addossati, s'intende che il primo a destra è volto e il secondo, quello di sinistra, è rivolto, perché solo in questo modo essi possono darsi il dorso; e così via[2].

Il crescente che porta un profilo femminile è detto figurato, ma riteniamo sia da preferire, in questo caso, il termine mezzaluna.

Il termine crescente è preferito al simile mezzaluna perché, nel linguaggio figurato e simbolico del blasone, spesso rappresenta l'auspicato accrescimento delle fortune del titolare dello stemma o della sua famiglia.

Il crescente è comunissimo nel blasone italiano[3].

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ L. Volpicella, Dizionario cit., p. 122.
  2. ^ L. Volpicella, Dizionario cit., pp. 122-123.
  3. ^ L. Volpicella, Dizionario cit., p. 123.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Luigi Volpicella, Dizionario del linguaggio araldico italiano, a cura di Girolamo Marcello del Majno, presentazioni di Luigi Michelini di San Martino et al., disegni dell'autore, Udine, Paolo Gaspari [concluso negli anni 1940], 2008, pp. 122-123, ISBN 88-7541-123-9, SBN IT\ICCU\MIL\0767647.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

araldica Portale Araldica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di araldica