Fanam

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Fanam (o Fanon) è una piccola moneta d'oro (mai superiore al mezzo grammo) emessa da vari principati dell'India meridionale tra il XVII e il XIX secolo.

Nel sistema monetario indiano, il fanam era la 36ª parte di una pagoda. La rupia agli inizi del XX secolo valeva 7 fanam.[1]

Furono coniate da molte autorità tra cui Muhammad Shah (1719-1748).[1]

Anche diversi regnanti europei hanno battuto monete in questa denominazione tra cui Carlo II d'Inghilterra (1660-1685) a Madras.[1]

Furono anche coniati fanam d'argento e fanam di rame.[1]

Il fanam fu emesso anche in Travancore, con un valore di 1/7 della rupia di Travancore, mentre nell'India danese fu emesso il fano, dal valore di 1/8 della rupia dell'India danese e nell'India francese fu emesso il fanon, dal valore di 1/8 della rupia dell'India francese.

Stati emittenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Martinori: La moneta

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Edoardo Martinori, La moneta - Vocabolario generale, Roma, Istituto italiano di numismatica, MCMXV (1915).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]