Road to Nowhere (Talking Heads)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Road to Nowhere

Artista Talking Heads
Tipo album Singolo
Pubblicazione 1985
Durata 04:19
Album di provenienza Little Creatures
Genere New wave
Etichetta Sire Records
Produttore Tony Bongiovi & Lance Quinn

"Road to Nowhere" è un brano dei Talking Heads, tratto dall'album del 1985 Little Creatures. È presente anche negli album Best of Talking Heads, Sand in the Vaseline: Popular Favorites, e nelle raccolte Once in a Lifetime e Brick. Il brano è stato pubblicato come singolo nel 1985 ed ha raggiunto la posizione n. 25 nella classifica 'Mainstream Rock Tracks' e la posizione n. 6 nelle classifiche inglesi e tedesche. Ha anche raggiunto la posizione n. 8 nella 'Dutch Top 40'.

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Secondo quanto riportato sulla copertina della compilation Once in a Lifetime, Byrne ha aggiunto l'introduzione corale dopo aver deciso che il brano, così com'era, sembrava troppo semplice e monotono.

Il videoclip girato per promuovere il brano è stato diretto da David Byrne e Stephen R. Johnson, e riprende oggetti e i componenti della band come su una 'strada verso il niente', ed è stato proposto come "Best Video of the Year" agli MTV Video Music Awards del 1986. Alcuni spezzoni sono stati girati nel cortile e nella piscina dell'attore Stephen Tobolowsky, co-autore del film di Byrne True Stories agli time.[1]. Il regista Stephen Johnson si è ispirato agli effetti speciali del video in due successive produzioni, i video di Peter Gabriel "Sledgehammer" e "Big Time" l'anno successivo.

Cover di altri artisti[modifica | modifica sorgente]

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • Il brano è stato utilizzato nel documentario del 2008 Young@Heart.
  • Il brano viene riprodotto durante i titoli di coda del film del 1989 Little Monsters.
  • In Italia il brano è stato utilizzato per lo spot della Yomo yougurt nel 1986

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ The Tobolowsky Files Episode 44: The Voice from Another Room, slashfilm.com. URL consultato il 19 febbraio 2011.