Repubblica serbo-ungherese di Baranya-Baja

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Repubblica di Baranya-Baja
Repubblica di Baranya-Baja – Bandiera
Repubblica di Baranya-Baja - Localizzazione
Dati amministrativi
Nome completo Repubblica serbo-ungherese di Baranya-Baja
Nome ufficiale Baranya-Bajai Szerb-Magyar Köztársaság
Српско-мађарска република Барања-Баја
Lingue ufficiali Ungherese, serbo
Lingue parlate
Capitale Pécs
Politica
Forma di Stato Repubblica
Forma di governo
Presidente Petar Dobrović
Nascita 14 agosto 1921
Fine 25 agosto 1921
Causa Incorporazione ad Ungheria
Territorio e popolazione
Bacino geografico Europa centrale
Religione e società
Religioni preminenti Cristianesimo
Evoluzione storica
Preceduto da Repubblica Democratica di Ungheria
Succeduto da Regno di Jugoslavia, Regno di Ungheria

La Repubblica serbo-ungherese di Baranya-Baja fu un effimero Stato tra Ungheria e Jugoslavia nelle regioni di Baranya e la parte nord della Bačka. Esso sorse come conseguenza dell'invasione jugoslava del sud dell'Ungheria in seguito alla rivoluzione comunista di Béla Kun. Allorquando le truppe ungheresi di Miklos Horthy respinsero i romeni e ripresero il controllo dell'Ungheria, molti comunisti ungheresi si rifugiarono qui, sotto protezione del sindaco di Pécs. Il Trattato di Trianon del 4 giugno 1920 decise che la Baranya avrebbe dovuto tornare al Regno di Ungheria. Questo provocò le proteste dei comunisti ungheresi, che in previsione dell'approssimarsi dell'effettuazione del passaggio, crearono la Repubblica serbo-ungherese di Baranya-Baja il 14 agosto 1921, sotto protezione jugoslava. Il 25 agosto, come previsto dal Trattato di Trianon, le truppe ungheresi entravano in Baranya e a Baja annettendole al Regno di Ungheria. La restante parte della Bačka veniva annessa dalla Jugoslavia.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]