Ralph Alpher

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Ralph Asher Alpher (Washington, 3 febbraio 1921Austin, 12 agosto 2007) è stato un cosmologo statunitense di origine russo-ebraica.

Figlio di immigrati russi, si diplomò a 15 anni alla Theodore Roosevelt High School di Washington D.C.. Iniziò a lavorare prima come addetto di scena nel teatro del suo liceo, poi come stenografo del direttore della Carnegie Institution. Nel frattempo, continuava i suoi studi in Fisica.

Quando si venne a sapere dei suoi studi, venne immediatamente assunto come fisico e continuò a lavorare da fisico aggiunto durante tutta la Seconda guerra mondiale su progetti coperti da segreto militare. Alla fine della guerra, gli venne riconosciuto il Naval Ordnance Development Award. Ancora oggi, comunque, il suo contributo non è stato reso pubblico e lo stesso Alpher ha mantenuto un atteggiamento ambiguo in materia.

Si laureò e poi ottenne un master in Fisica presso la George Washington University, che successivamente gli offrì un dottorato di ricerca. Qui incontrò l'eminente fisico russo George Gamow, fuggito dall'Unione Sovietica e rifugiatosi negli Stati Uniti.

Nel 1948, proprio assieme a Gamow concepì la famosa Teoria Alpher-Bethe-Gamow sulla nucleosintesi primordiale. Tuttavia, il suo ruolo venne molto sminuito, a vantaggio di quello di Gamow. Quello stesso anno, assieme a Robert Herman, Alpher riuscì a calcolare la temperatura della radiazione residua (conosciuta come radiazione cosmica di fondo), risultante dall'ipotizzato Big Bang - anche in questo caso, senza ottenere subito alcun riconoscimento o apprezzamento.

Alpher ed Herman ottennero solo successivamente il Premio Magellano dalla American Philosophical Society (1975), il Premio Georges Vanderlinden per la Fisica dall'Accademia delle Scienze del Belgio, la Henry Draper Medal (1993) ed altri premi importanti. Nel 2005, venne infine riconosciuta ad Alpher la National Medal of Science (la più alta riconoscenza statunitense in materia).

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 265275082 LCCN: n97065688

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie