Rally Dakar 1986

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rally Dakar 1986
Edizione n. 8 del Rally Dakar
Dati generali
Inizio 1 gennaio
Termine 22 gennaio
Prove 18 (20 speciali)
Titoli in palio
Moto Francia Cyril Neveu
su Honda
Auto Francia René Metge
su Porsche
Camion Italia Giacomo Vismara
su Mercedes
Altre edizioni
Precedente - Successiva
Note
All'epoca la denominazione ufficiale era ancora Parigi-Dakar
Edizione in corso
Thierry Sabine, patron della Dakar, ha perso la vita nel corso dell'edizione '86 in un tragico incidente d'elicottero

Il Rally Dakar 1986 è stata la 8ª edizione del Rally Dakar (partenza da Parigi, arrivo a Dakar).

L'edizione è contrassegnata dalla tragica morte dell'ideatore della corsa, il francese Thierry Sabine. Nell'incidente aereo perirono altre quattro persone, tra cui il cantautore Daniel Balavoine, amico di Sabine ed invitato da quest'ultimo ad assistere alla corsa.

Tappe[modifica | modifica wikitesto]

Nelle 22 giornate del rally raid furono disputate 18 tappe ed una serie di trasferimenti (circa 15.000 km), con 20 prove speciali per un totale di 7.731 km.[1] L'ultima tappa di questa edizione fu fatale per un motociclista bergamasco, Giampaolo Marinoni.

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Sinnbild Kraftrad.svg Moto[modifica | modifica wikitesto]

Hanno finito la gara 29 delle 131 moto iscritte. Dopo anni di dominio assoluto francese nelle moto, si affacciano gli italiani, con 6 presenze nei top ten, anche se la vittoria arriderà per 4ª e penultima volta al solito francese Neveu. Questa edizione fu anche caratterizzata dalla morte di Giampaolo Marinoni: il pilota italiano, pur riprendendo la corsa dopo una rovinosa caduta nell'ultima tappa e terminando 13° in classifica generale, morì in ospedale due giorni dopo il ricovero avvenuto alla conclusione della manifestazione. [2].

Pos. Pilota Mezzo
1 Francia Cyril Neveu HONDA
2 Francia Gilles Lalay HONDA
3 Italia Andrea Balestrieri HONDA
4 Francia Thierry Charbonnier YAMAHA
5 Italia Ciro De Petri HONDA
6 Italia Edi Orioli HONDA
7 Italia Andrea Marinoni YAMAHA
8 Germania Eddy Hau BMW
9 Italia Giampiero Findanno YAMAHA
10 Italia Franco Picco YAMAHA

Sinnbild PKW.svg Auto[modifica | modifica wikitesto]

Hanno finito la gara 100 delle 282 auto iscritte.

Pos. Equipaggio Mezzo
1 Francia René Metge / Dominique Lemoyne Porsche
2 Belgio Jacky Ickx / Brasseur Porsche
3 Monaco Hubert Rigal / Maingret Mitsubishi
4 Francia Pierre Lartigue / Bernard Giroux Lada
5 Regno Unito Andrew Cowan / Syer Mitsubishi
6 Germania Roland Kussmaul / Unger Porsche
7 Francia Patrick Zaniroli / Da Silva Mitsubishi
8 Francia Jean-Pierre Gabreau / Pipat Range Rover
9 Francia Jean Bouchet / Villepigue Toyota
10 Belgio Maurice Gierst / Bouvy Range Rover

Sinnbild LKW.svg Camion[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Pos. (auto) Equipaggio Mezzo Tempo
1 25º Italia Giacomo Vismara / Minelli Mercedes Unimog 82h52'19"
2 28º Germania Hans Heyer / Winkler MAN 85h56'52"
3 30º Spagna Salvador Cañellas / Ferran Pegaso 87h05'41"
4 32º Germania Bernau / Bartmann MAN 89h43'45"
5 45º Grecia Papadimitrou / Rosval Volvo 100h.53'34"
6 54º Francia Jacques Houssat / Brubach Mercedes Unimog
7 56º Italia Carnevale / Repetti Astra
8 58º Italia Andrea Belotti / Consonni Mercedes Unimog
9 61º Germania Gattinger / Pohl MAN
10 64º Germania Obermeyer / Huber MAN

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 8th PARIS-ALGIERS-DAKAR, rssp.eu. URL consultato il 18 ottobre 2011.
  2. ^ Carlo Marincovich, HANNO LASCIATO MORIRE MARINONI, la Repubblica, 28 gennaio 1986. URL consultato il 25 luglio 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]