Rally Dakar 1979

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rally Dakar 1979
Edizione n. 1 del Rally Dakar
Dati generali
Inizio 26 dicembre
Termine 14 gennaio
Prove 8 (10 speciali)[1]
Titoli in palio
Moto Francia Cyril Neveu
su Yamaha XT500
Auto Francia Alain Génestier[2]
su Range Rover
Altre edizioni
Successiva
Note
All'epoca la denominazione ufficiale era ancora Parigi-Dakar
Edizione in corso
Mappa della Parigi-Dakar 1979

Il Rally Dakar 1979 è stata la 1ª edizione del Rally Dakar (partenza da Parigi, arrivo a Dakar).

La prima edizione[modifica | modifica sorgente]

Da un'idea di Thierry Sabine il giorno dopo il Natale del 1978 presero il via da Parigi 80 autovetture, 90 motociclette e 12 camion.

In quella prima edizione ancora non esistevano classifiche separate per i tre veicoli, anche se in seguito al francese Genestier è stata storicamente assegnata la prima vittoria nella categoria auto, quella edizione presentava un'unica classifica e il vincitore assoluto fu il motociclista Cyril Neveu.[3]

Tappe[modifica | modifica sorgente]

Furono disputate 10 prove speciali in Francia, Algeria, Niger, Mali e Senegal (più una neutralizzata) in 18 giorni, più alcuni lunghi trasferimenti anche di una intera giornata, in questi trasferimenti comunque bisognava rientrare in un tempo stabilito, altrimenti si sarebbe stati penalizzati in classifica generale, e dato le difficoltà a mantenere la rotta, questo non era raro.[4]

# P.S. Data Tappa Totale Prova Vincitore auto Vincitore moto
1 1[5] 26 dic 1978 Francia Parigi-Montlhéry 3,6 3,6 Francia Christophe Neveu (Range Rover) Francia Christian Desnoyers (Honda)
trasf. 27 dic Francia Montlhéry-Marsiglia 1.140
29-30 dic Navigazione verso l'Africa
2 trasf. 31 dic Algeria Algeri-Reggane 960
2 1 gen 1979 Algeria Reggane-In Salah 270 270 Francia Jacky Privè (Range Rover) Francia Christian Rayer (Yamaha)
trasf. 2 gen Algeria In Salah-Tamanrasset 448
3a 3a 3 gen Algeria Tamanrasset-In Guezzam 373 373 Francia Christophe Neveu (Range Rover) Francia Rudy Potisek (Yamaha)
3b 4 gen Niger Assamaka-Arlit 230 230 Francia Gérard Daurangeon (Renault 5) Francia Patrick Schaal (Yamaha)
3c 5 gen Niger Arlit-Agadez 277 231 Francia Pierre-Louis Moreau (Peugeot) Francia Jean-Claude Olivier (Yamaha)
4 trasf. 6 gen Niger Agadez-Niamey 690
4 Niger Tahou-Talchot 230 Francia Claude Marreau (Renault) Francia Jean-Claude Olivier (Yamaha)
5 5[6] 7 gen Niger Niamey-Mali Gao 448 448
8 gen Giorno di riposo
6 trasf. 9 gen Mali Gao-Mopti 600 600 Francia Alain Génestier (Range Rover) Francia Gilles Comte (Yamaha)
6 10 gen Mali Mopti-Bamako 650
7 7 11 gen Mali Bamako-Nioro du Sahel 417 417 Italia Cesare Giraudo (Fiat) Francia Philippe Vassard (Honda)
8 8a 12 gen Mali Nioro du Sahel-Kayes 270 270 [7] Francia Christian Rayer (Yamaha)
trasf. 13 gen Mali Kayes-Senegal Bakel 500
8b 14 gen Senegal Bakel-Dakar 96 96 Monaco Hubert Rigal (Range Rover) Francia Gilles Comte (Yamaha)

Classifiche[modifica | modifica sorgente]

Generale[modifica | modifica sorgente]

Nella prima edizione della Dakar fu stilata una classifica unica per moto, auto e camion. I primi tre classificati furono tutti motociclisti dei 74 giunti a Dakar.[8]

Pos. Pilota/Equipaggio Macchina Veicolo
1 Francia Cyril Neveu Yamaha Moto
2 Francia Gilles Comte Yamaha Moto
3 Francia Philippe Vassard Honda Moto
4 Francia Alain Genestier - Joseph Terbiaut Range Rover Auto
5 Francia Claude Marreau - Bernard Marreau Renault 4 Auto
6 Francia Alain Schacht Honda Moto
7 Italia Cesare Giraudo - Antonio Cavalleri Fiat Campagnola Auto
8 Francia Christian Rayer Yamaha Moto
9 Italia Tommaso Carletti - Amarilli Carletti Fiat Campagnola Auto
10 Francia Alain Vanderkerkhove - Daniel Pichot Toyota Auto

Sinnbild Kraftrad.svg Moto[modifica | modifica sorgente]

Partiti in 90, arrivati 24.

Pos. Pilota Moto
1 Francia Cyril Neveu Yamaha
2 Francia Gilles Comte Yamaha
3 Francia Philippe Vassard Honda

Sinnbild PKW.svg Auto[modifica | modifica sorgente]

Partiti 80, arrivati 49.

Pos. Equipaggio Auto
1 Francia Alain Genestier - Joseph Terbiaut Rover
2 Francia Claude Marreau - Bernard Marreau Renault
3 Italia Cesare Giraudo - Antonio Cavalleri Fiat

Sinnbild LKW.svg Camion[modifica | modifica sorgente]

In questa edizione non fu stilata una classifica dei camion, ne fu riconosciuto il titolo di vincitore di categoria al 1º classificato, il francese Jean-François Dunac (co-pilota François Beau e meccanico Jean-Pierre Chapel), 44º assoluto su Pinzgauer 6x6.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ 16 tappe più un prologo in 17 giornate (tre sono stati i giorni di riposo), di queste 11 erano prove speciali (una neutralizzata)
  2. ^ Génestier in effetti 4º assoluto, fu 1º nelle auto nella classifica generale vinta dal motociclista Neveu. La Dakar stilò classifiche separate solo dall'edizione successiva
  3. ^ Dakar 1979-2011: la leggenda continua! 1ª parte, motorinside.it. URL consultato il 14 ottobre 2011.
  4. ^ 1979 Paris - Algiers - Dakar, loprais.cz. URL consultato il 13 ottobre 2011.
  5. ^ Prologo
  6. ^ Tappa neutralizzata
  7. ^ Nessun concorrente arrivò entro il tempo assegnato
  8. ^ Classement mélangé du Paris Dakar 1979, dakardantan.com. URL consultato il 14 ottobre 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]