Rack (informatica)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Armadio rack contenente varie tipologie di server

In informatica e telecomunicazioni (ma anche nel broadcast e negli studi di registrazione) il termine rack (dall'inglese scaffale) indica un sistema standard d'installazione fisica di componenti hardware (server, switch, router) a scaffale, costituito da una struttura modulare larga 19 pollici (482,6 mm), alta 1,75 pollici (44,45 mm) per ogni unità ospitata e lunghezza variabile, solitamente maggiore di 600mm. Il numero di unità di un rack è anch'esso variabile: le dimensioni comuni sono da 12, 25 e 42 unità. Ogni rack da 42 può essere suddiviso in 3 shelf (14 unità l'uno), con accesso separato.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Solitamente per gli apparati ospitati non vengono utilizzati case come quelli dei personal computer perché occuperebbero troppo spazio, aumentando quindi i costi di alloggiamento in caso di affitto dei locali ospitanti, ma case di dimensioni ridotte ovvero più compatti.

Gli apparati ospitati poggiano su delle slitte in metallo, che possono scorrere per estrarre in maniera semplice ogni componente del rack. I server vengono costruiti principalmente in case di forma rack, occupando 1 o 2 unità per i più piccoli, mentre per i server blade possono arrivare fino a 10 unità.

Solitamente si preferisce anche non riempire completamente l'armadio, lasciando spazio tra un componente rack e l'altro in modo da permettere una migliore circolazione di aria per il raffreddamento e una più semplice gestione dei collegamenti, evitando confusione e sovraffollamento.

Ogni armadio rack possiede un dispositivo (solitamente meccanico) di chiusura, per impedire l'accesso a terzi. Questo è ad esempio molto utile nelle webfarm in quanto permette ai clienti di accedere solo ai propri server evitando che possa essere compromesso il resto dell'infrastruttura di rete. L'accesso è consentito da una parte frontale e una posteriore. Questo consente di agire sui comandi fisici del server (anteriore) collegando eventualmente un monitor ed una tastiera, ed agire invece sui vari collegamenti (alimentazione, rete, ecc.) attraverso la parte posteriore.

Vantaggi[modifica | modifica sorgente]

Gli armadi rack sono ampiamente usati nel campo industriale, delle telecomunicazioni e informatico, e servono a contenere in modo ordinato, flessibile e facilmente accessibile apparati di rete quali server, switch, router, strumenti di misura ecc. In questo modo in caso di guasto o al momento in cui si decide di aggiornare un componente, la sostituzione del pezzo o la sua manutenzione può essere effettuata velocemente ed in modo pulito e sicuro, cosa ben più problematica, onerosa e con interruzione sulla disponibilità di servizio offerto nel caso di apparato unico monoblocco.

Altri dispositivi[modifica | modifica sorgente]

Un rack contenente dispositivi di supporto: un monitor una tastiera e il doppio allacciamento alla rete in basso

La prassi consolidata di buon approntamento di un armadio rack implica la presenza di alimentazione elettrica costante e di una temperatura dell'aria preferibilmente attorno ai 20 °C per permettere un corretto funzionamento dei componenti elettronici. Per questo motivo, spesso negli armadi si trovano gruppi di continuità e ventole disposte anch'essi su supporti rack. Solitamente in un rack, oltre a server e altri dispositivi produttivi si trovano:

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Informatica Portale Informatica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Informatica