Purple fringing

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Purple fringing.jpg

Nella fotografia, e in particolare nella fotografia digitale, con purple fringing si intende un effetto dell'interazione del sensore digitale e l'ottica; si manifesta come un alone sfocato di colore variabile. Le immagini che contengono aree ad elevato contrasto che racchiudono cieli slavati o lampade a scarica in gas sono particolarmente suscettibili a questo effetto, poiché l'aberrazione cromatica è peggiore per le lunghezze d'onda più corte a cui una fotocamera è sensibile (luce violetta o ultra violetta).

Il termine purple fringe usato per descrivere un aspetto dell'aberrazione cromatica risale almeno al 1833, prima dell'invenzione della fotografia.[1] Ad ogni modo, la definizione esatta di Brewster per una banda violetta su un bordo e una verde sull'altro è aberrazione cromatica laterale. Una sfocatura generale delle lunghezze d'onda più corte, risultante in una banda violetta su tutti i lati di un oggetto molto luminoso è l'effetto di aberrazione cromatica assiale o longitudinale. Molto spesso entrambi gli effetti sono presenti nella stessa immagine. L'aberrazione cromatica assiale è più facilmente riducibile mediante la chiusura del diaframma rispetto a quella laterale, per cui l'entità del purple fringing può dipendere fortemente dal diaframma.

Altre spiegazioni[modifica | modifica sorgente]

Il purple fringing è solitamente attribuito all'aberrazione cromatica, sebbene non sempre si può spiegare in questo modo. Altre cause attribuite al purple fringing includono:

  • Effetti del sensore:
    • Aberrazione cromatica in ogni cella (o microlente) dei CCD
    • Rumore digitale nelle aree scure
    • Elaborazione dell'immagine e interpolazione, artefatti (quasi tutti i CCD richiedono una quantità considerevole di elaborazione)
    • Luce ultravioletta diretta
    • luce infrarossa diretta
    • Bruciatura dell'immagine da sovraesposizione
    • Perdita di cariche tra celle dei CCD

Riduzione dell'effetto[modifica | modifica sorgente]

I metodi comunemente usati per evitare o ridurre il purple fringing includono:

  • evitare di scattare con il diaframma a tutta apertura in presenza di scene ad elevato contrasto;
  • evitare la sovraesposizione delle alte luci (ad esempio, riflessioni speculari puntiformi e un cielo slavato o molto luminoso di sfondo a soggetti scuri)
  • scattare con un filtro Haze-2A o un filtro UV di elevata gradazione[2]

La post-elaborazione per rimuovere il purple fringing (o più in generale l'aberrazione cromatica) solitamente richiede la scalatura dei canali di cui sono visibili le bande intorno agli oggetti, oppure la sottrazione una parte di una versione scalata del canale blu.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Sir David Brewster, A Treatise on Optics, First American Edition, Philadelphia: Carey, Lee, and Blanchard, 1833, pagina 76.
  2. ^ Gary Nugent, Photoshop Technique: Remove Purple Fringing in great-landscape-photography.com.

Altre fonti[modifica | modifica sorgente]

fotografia Portale Fotografia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di fotografia