Prince des poètes

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il titolo di Prince des poètes è una sigla onorifica e non ufficiale che viene assegnata in Francia ai diversi poeti dopo la morte del loro predecessore. Il titolo non è stato sempre assegnato nello stesso modo e non ha avuto sempre lo stesso carico simbolico e lo stesso riconoscimento in tutte le epoche. Il titolo e l'elezione che l'accompagna sono quindi stati oggetto di critica, tant'è che nel XX secolo il poeta Saint-John Perse lo rifiutò.

L'espressione Prince des poètes, di più ampio impiego, è entrata in uso ed è stata ripresa da critici e accademici per designare poeti come Marot e Ronsard; esso è stato a lungo utilizzato anche in francese per designare i poeti antichi, eccellenze come Omero e Virgilio, e, per estensione, altri poeti europei, come l'italiano Torquato Tasso o lo spagnolo Garcilaso de la Vega.

Elenco[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Europe: revue littéraire mensuelle, Numéros 880 à 884, Les Éditions Denoël, 2002, p.302
  2. ^ Décision votée à l'unanimité moins une abstention lors du Concile de Forcalquier le 7 juillet 2013, auquel participèrent Olivier Barbarant, Mathieu Bietlot, Julien Blaine, Victor Blanc, Francis Combes, Franck Delorieux, Philippe de la Genardière, Viviane Théophilidès, Monique Dorsel et Serge Fauchereau