Poliacrilonitrile

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Formula di struttura del poliacrilonitrile.

Il poliacrilonitrile, spesso indicato con l'acronimo PAN, è il polimero ottenuto dalla polimerizzazione dell'acrilonitrile. Viene prodotto in mezzo acquoso, a temperatura di 40-55 °C, tramite l'utilizzo di catalizzatori (persolfato di potassio, potassio idrossilammina disolfonato biidrato e solfato ferroso).[1] Esiste anche un'altra metodica che sfrutta l'utilizzo di perossido quale iniziatore radicalico e richiede temperature superiori.

La prima fibra acrilica ottenuta, nota col nome commerciale Orlon, fu prodotta dalla DuPont nel 1950 ed era costituita da poliacrilonitrile.[2] L'uso di questo polimero è principalmente rivolto alla produzione di fibre sintetiche resistenti all'invecchiamento, a tarme, ad agenti fisici e chimici e caratterizzate da notevoli proprietà meccaniche. Il PAN viene utilizzato anche come precursore per ottenere fibra di carbonio ad alta qualità.

Il poliacrilonitrile decompone prima di fondere (315-320 °C)[3] ed è filabile solubilizzandolo in solventi aprotici quali dimetilformammide, dimetilacetammide e dimetilsolfossido.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Catalytic process for the preparation of polyacrylonitrile and acrylonitrile copolymers
  2. ^ Fibers: Acrylic, John Wiley & Sons, Inc. (2006) DOI: 10.1002/0471743984.vse8039
  3. ^ V.D. Fikhman, B.V. Radushkevich, V.P. Napasnikov, High-elasticity and tensile properties of polyacrylonitrile yarn in the stretching process, Fibre Chemistry 11(4): 284-287 (1980) DOI: 10.1007/BF00547760

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]