Peter Christen Asbjørnsen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Peter Christen Asbjørnsen

Peter Christen Asbjørnsen (Oslo, 15 gennaio 1812Oslo, 6 gennaio 1885) è stato uno scrittore norvegese.

Noto con Jørgen Moe per le sue raccolte folkloristiche norvegesi, le sue opere furono indicate, per l'affiatamento con la quale lavorava con Moe, "Asbjørnsen e Moe".

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Christiania (oggi Oslo), Asbjørnsen discende da una famiglia originaria di Otta nel Gudbrandsdal. Studiò presso l'Università di Oslo nel 1833, ma già nel 1832, a vent'anni, aveva cominciato a raccogliere e scrivere fiabe e leggende. Jørgen Moe incontrò Asbjørnsen quando aveva quattordici anni, mentre entrambi frequentavano le scuole superiori a Norderhov, diventando presto ottimi amici. Nel 1834 Asbjørnsen scoprì che Moe aveva iniziato, in modo indipendente, una ricerca di aneddoti e di reliquie del folklore nazionale; i due confrontarono i loro risultati, decidendo così di lavorare insieme.

Norske Folkeeventyr, Asbjørnsen e Moe, 1874

Dopo essersi laureato in zoologia, con l'aiuto dell'Università di Oslo, cominciò una serie di viaggi di ricerca lungo le coste della Norvegia, in particolare nel Hardangerfjord, raccogliendo storie popolari. Lavorò poi con due dei più famosi biologi marini del tempo, Michael Sars e suo figlio Georg Ossian Sars. Moe, nel frattempo, dopo aver lasciato l'Università di Oslo nel 1839, si era dedicato allo studio della teologia e si guadagnava da vivere come insegnante a Christiania. Durante le sue vacanze, si recava nelle montagne norvegesi, nei distretti più remoti, raccogliendo anch'egli storie.

Nel 1842-1843 venne pubblicata la prima parte del loro lavoro Norske Folkeeventyr (Fiabe popolari norvegesi); un secondo volume è stato pubblicato nel 1844 e una nuova collezione nel 1871. Molti dei Folkeeventyr sono stati tradotti in inglese da Sir George Dasent nel 1859. Nel 1845 Asbjørnsen pubblicò, senza l'aiuto di Moe, una raccolta di fiabe norvegesi (Norske Huldre-Eventyr og Folkesagn). Nel 1856 Asbjørnsen richiamò l'attenzione sulla deforestazione della Norvegia e ha indotto il governo ad agire su questo tema. Poco dopo venne nominato "guardiano della foresta", carica che ricoprì fino al 1876. Nel 1879 ha venduto la sua vasta collezione di esemplari zoologici al Museo di Storia Naturale per £300. Morì a Christiania nel 1885.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gjefsen, Truls Peter Christen Asbjørnsen – diger og folkesæl (Andresen & Butenschøn. Oslo: 2001)
  • Liestøl, Knut P. Chr. Asbjørnsen. Mannen og livsverket. (Johan Grundt Tanum. Oslo: 1947)
  • Luca Taglianetti (a cura di), Carla Del Zotto (introduzione) Peter Chr. Asbjørnsen Racconti e leggende popolari norvegesi. (Controluce. Nardò: 2012)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 116587918 LCCN: n50002002 SBN: IT\ICCU\RAVV\020611