Patricio Aylwin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Patricio Aylwin
Patricioaylwin.JPG

31º Presidente del Cile
Durata mandato 11 marzo 1990 –
11 marzo 1994
Predecessore Augusto Pinochet
(dittatura militare)
Successore Eduardo Frei Ruiz-Tagle

Presidente del Senato
Durata mandato 12 gennaio 1971 –
22 maggio 1972
Presidente Salvador Allende
Predecessore Tomás Pablo Elorza
Successore José Ignacio Palma

Dati generali
Partito politico Partito Democratico Cristiano del Cile

Patricio Aylwin Azócar (Viña del Mar, 26 novembre 1918) è un politico cileno, primo presidente del Cile eletto democraticamente dopo la dittatura di Augusto Pinochet. È stato in carica dall'11 marzo 1990 all'11 marzo 1994.

Studi e carriera[modifica | modifica wikitesto]

Di origini irlandesi, laureato in Giurisprudenza nel 1943, aderì alla Falange Nacional (il movimento giovanile del Partito Conservatore, fondato da Eduardo Frei Montalva), della quale fu presidente, quindi partecipò nel 1957 alla fondazione del Partito Democratico Cristiano del Cile, che presiedette nel 1958. Fu presidente del Senato (1971-1973) fino al colpo di Stato guidato dal generale Augusto Pinochet l'11 settembre 1973.

La presidenza[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1988 divenne portavoce della Concertación de Partidos por la Democracia (coalizione di centrosinistra) e come suo candidato vinse le elezioni presidenziali del 1989 col 55,2% dei voti. Entrato in carica nel 1990, avviò una transizione morbida alla democrazia, osteggiata dalla destra e dai militari conservatori guidati da Pinochet, che era rimasto comandante in capo delle Forze armate cilene, e dovette tollerare il permanere di residui di controllo militare fissati dalla Costituzione del 1980 (veto su alcune iniziative politiche, economiche, sociali e culturali).

L’amministrazione Aylwin varò la Commissione della Verità e Riconciliazione (Commissione Rettig) per indagare sui crimini della dittatura e rafforzare la difesa dei diritti umani, subito disconosciuta da militari e conservatori, ma cominciarono i primi processi a carico degli aguzzini del regime di Pinochet. In campo economico, pur mantenendo il modello neoliberista stabilito dai Chicago Boys, furono prese con qualche successo misure volte a ridurre la povertà.

Il governo Aylwin[modifica | modifica wikitesto]

Il primo governo Aylwin (1990).
Ministro Nome/Periodo
Ministro dell'interno Enrique Krauss Rusque ( 1990 - 1994)
Ministro degli esteri Enrique Silva Cimma (1990 - 1994)
Ministro della difesa Patricio Rojas Saavedra (1990 - 1994)
Ministro delle finanze Alejandro Foxley Rioseco (1990 - 1994)
Ministro Segretario Generale della Presidenza Edgardo Boeninger Kausel (1990 - 1994)
Ministro Segretario Generale del Governo Enrique Correa Ríos (1990 - 1994)
Ministro dell'Economía e sviluppo Carlos Ominami Pascual (1990 - 1992)
Jorge Marshall Rivera (1992 - 1993)
Jaime Tohá González (1993 - 1994)
Presidente della Commissione nazionale Energia Jaime Tohá González (1990 - 1994)
Ministro della pianificazione e territorio Sergio Molina Silva (1990 - 1994)
Ministro dell'educazione Ricardo Lagos Escobar (1990 - 1992)
Jorge Arrate Mac Niven (1992 - 1994)
Ministro della giustizia Francisco Cumplido Cereceda (1990 - 1994)
Ministro del lavoro e previdenza sociale René Cortázar Sanz (1990 - 1994)
Ministro delle opere pubbliche Carlos Hurtado Ruiz-Tagle (1990 - 1994)
Ministro dei trasporti e telecomunicazioni Germán Correa Díaz (1990 - 1992)
Germán Molina Valdivieso (1992 - 1994)
Ministro della salute Jorge Jiménez De la Jara (1990 - 1992)
Julio Montt Momberg (1992 - 1994)
Ministro della Casa e urbanistica Alberto Etchegaray Aubry (1990 - 1994)
Ministro dei beni nazionali Luis Alvarado Constenla (1990 - 1994)
Ministro dell'Agricultura Juan Agustín Figueroa Yávar (1990 - 1994)
Ministro delle Miniere Juan Hamilton Depassier (1990 - 1992)
Alejandro Hales Jamarne (1992 - 1994)
Ministro del Servizio Nazionale della Donna Soledad Alvear Valenzuela (1991 - 1994)

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze cilene[modifica | modifica wikitesto]

Gran Maestro dell'Ordine di Bernardo O'Higgins - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine di Bernardo O'Higgins
Gran Maestro dell'Ordine al Merito - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine al Merito

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Collare dell'Ordine di Isabella la Cattolica (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria Collare dell'Ordine di Isabella la Cattolica (Spagna)
— 1990
Collare dell'Ordine di Carlo III (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria Collare dell'Ordine di Carlo III (Spagna)
— 5 aprile 1991[1]
Cavaliere di Gran Croce decorato di Gran Cordone dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana (Italia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce decorato di Gran Cordone dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana (Italia)
— 17 aprile 1991[2]
Grande Stella dell'Ordine al Merito della Repubblica Austriaca (Austria) - nastrino per uniforme ordinaria Grande Stella dell'Ordine al Merito della Repubblica Austriaca (Austria)
— 1993
Gran Collare dell'Ordine della Libertà (Portogallo) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Collare dell'Ordine della Libertà (Portogallo)
— 27 aprile 1993
Membro Onorario dell'Ordine della Giamaica (Giamaica) - nastrino per uniforme ordinaria Membro Onorario dell'Ordine della Giamaica (Giamaica)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bollettino Ufficiale di Stato
  2. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Presidenti del Cile Successore Flag of the President of Chile.svg
Augusto Pinochet Ugarte
(dittatura militare)
11 marzo 1990 - 10 marzo 1994 Eduardo Frei Ruiz-Tagle

Controllo di autorità VIAF: 76368604 LCCN: n84229454

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie