Parco storico di Sukhothai

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall'UNESCO Flag of UNESCO.svg
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
Città storica di Sukhothai e città storiche associate
(EN) Historic Town of Sukhothai and Associated Historic Towns
Sukhothai historical park1.jpg
Tipo Culturali
Criterio (i) (iii)
Pericolo Non in pericolo
Riconosciuto dal 1991
Scheda UNESCO (EN) Scheda
(FR) Scheda

Il parco storico di Sukhothai racchiude le rovine dell'antica Sukhothai, capitale del Regno di Sukhothai nel tredicesimo e quattordicesimo secolo. È situato nella parte meridionale della Thailandia del Nord. Si trova nei pressi dell'attuale città di Sukhothai, capitale dell'omonima provincia. La città moderna fu fondata attorno alla fine del XVIII secolo dal re Rama I, dopo le devastazioni subite da quella antica durante le invasioni birmane che causarono la distruzione del Regno di Ayutthaya.

Le mura cittadine formano un rettangolo lungo 1.810 metri circa sull'asse est-ovest e 1.400 metri su quello nord-sud. Al centro di ogni lato si trova una porta di accesso. All'interno ci sono le rovine del palazzo reale e di 21 templi, il più grande dei quali è quello di Wat Mahathat, che era la cappella reale.[1] Le mura, costruite in mattoni, sono circondate da un fossato e all'esterno vi sono altri templi e palazzi che fanno parte del parco.[2]

Gli edifici furono costruiti nel classico stile di Sukhothai, che subì influenze delle preestistenti architetture khmer, cingalesi e mon.[3] A sua volta lo stile di Sukhothai avrebbe influenzato gran parte della successiva architettura siamese.[1] Nelle statue dei Buddha, la forma allungata del naso e la protuberanza a forma di fiamma posta sulla sommità del capo, chiamata Usnisa, che rappresenta lo splendore dell'energia spirituale, sono caratteristiche mutuate dalla tradizione cingalese. La doppia linea attorno alla bocca deriva invece dall'arte khmer.[1]

Di rilievo le antiche opere idrauliche presenti nella città murata. Il fossato che circonda le mura, scavato anche per proteggersi dagli attacchi nemici, i 175 stagni ed i 147 pozzi erano alimentati con le acque di un vicino canale ed usati come riserve d'acqua. Il sistema di trasmissione delle acque è rappresentato da un antico acquedotto, le cui tubazioni sono fatte in terracotta smaltata.[4]

Il parco è gestito dal Dipartimento delle Belle Arti della Thailandia con la supervisione dell'UNESCO che l'ha dichiarato patrimonio dell'umanità. Viene visitato da migliaia di visitatori ogni anno.

La protezione dell'area venne annunciata la prima volta nel Volume 92, Sezione 112 della Gazzetta Reale Thailandese il 2 agosto 1961. Nel 1976 venne approvato il progetto di recupero, e nel luglio 1988 venne ufficialmente inaugurato. Il 12 dicembre 1991 venne dichiarato patrimonio dell'umanità, insieme ai vicini parchi di Kampheng Phet e di Si Satchanalai.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c (EN) Historic Town of Sukhothai and Associated Historic Towns, sul sito dell'UNESCO
  2. ^ (EN) Ancient Sukhothai Map, sul sito di Thailand's World
  3. ^ (EN) Sukhothai Historical Park Travel Guide, sul sito di Thailand's World
  4. ^ (EN) Ancient Sukhothai City Water Supply And Defence, sul sito di Thailand's World
Il tempio di Wat Mahathat

Video[modifica | modifica sorgente]

(EN) Video tour del Parco storico di Sukhothai

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

patrimoni dell'umanità Portale Patrimoni dell'umanità: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di patrimoni dell'umanità